Crotone
 

Nel Vibonese incontro della Confederazione Internazionale dei Cavalieri Crociati Guardiani di Pace Commanderia di Crotone

Il 10 Giugno 2018 alle ore 10,00, presso il Santuario Regionale di Santa Maria del Bosco a Serra San Bruno nel Vibonese, luogo in cui San Bruno fece l'eremita, tra l'altro ove è sepolto, si è tenuto un incontro con i Cavalieri di Pace di Crotone e della Calabria rappresentati dai rispettivi Balì Provinciali Francesco Squillace di Catanzaro, Vincenzo Costa di Crotone e Damiano Chidichimo di Monasterace, responsabile della Regione Calabria; Numerose le presenze del Crotonese.

L'incontro è stato organizzato dalla CCCi, da Don Bruno La Rizza parroco del Santuario e dal Prof. Salvatore Mongiardo responsabile della scuola Pitagorica, il quale dopo avere illustrato il significato della giornata con una breve allocuzione sulla finalità dell'evento, ha proclamato Serra San Bruno Capitale Mondiale della distruzione delle armi.

Mariano Chidichimo dopo i saluti ha presentato Il Prof. Giorgio Cegna " Gran Cancelliere della CCCi (Confederazione Internazionale dei Cavalieri Crociati " ASSISI – MALTA –TERRASANTA –SERRA SAN BRUNO " il quale ha ribadito che è volontà dei Cavalieri Crociati Guardiani di Pace di prodigarsi in futuro per finalità benefiche e che saranno presenti laddove possano portare conforto ed aiuto. Inoltre contro l'utilizzo delle armi a riprova davanti all'incudine i Cavalieri Guardiani di Pace hanno pronunciato la formula di rinuncia alla spada come arma. La spada è stata posta sull'incudine e spezzata col martello dalla Dama Adele.

Un giovane in tuta mimetica ha portato un fucile a spalla, lo ha deposto sull'incudine ed il Prof. Mongiardo lo ha rotto pronunciando la frase : Basta guerre, basta armi!

Mentre Vanessa dopo aver preso Chiesa la Bandiera arrotolata, la ha portata giù fino a metà gradinata.

Lì la ha srotola e la ha fatta ondeggiare andando tra i presenti, cantando l'Inno Mondiale della Pace.

Presenti alla Cerimonia i l vice Sindaco di Monasterace Carnuccio Paolo, l'Assessore ai servizi sociali di Taverna Amelio Rosario, Marco Tricoli ed esponenti dell'Unesco Calabria, insieme ad altre personalità di alto spessore culturale per focalizzare alcuni argomenti di fratellanza e di pace. Dopo è seguito un pranzo frugale presso un ristorante locale.