Crotone
 

Cirò (Kr), turismo: accordo con l'ufficio scolastico regionale

"Dalle dune e la ginestra bianca della Marinella, al vino DOC, rinomato in tutto il mondo; da Lilio, inventore del Calendario, alla scienza alchemica di Giano Lacinio; dal Castello Carafa al borgo antico; passando dalla casa natale di S. Nicodemo. – Puntare sui marcatori identitari, soprattutto su quelli distintivi, come esclusivi attrattori turistico-culturali. Occorre una grande opera di sensibilizzazione e di presa di coscienza che deve partire prima di tutto dalla scuola, perché è qui che si formano le coscienze e le intelligenze. È qui che si impara ad essere persone libere di pensare e di agire. È qui che si educa a scrollarsi di dosso vecchi e superati stereotipi che hanno condizionato e condizionano sempre di più il nostro sviluppo socio-economico e culturale. Ed è da qui, dalla scuola, che può e deve partire la riappropriazione dal basso del proprio patrimonio identitario e delle risorse autoctone per costruire lo sviluppo sostenibile, responsabile e durevole dei prossimi anni".

È quanto dichiara l'assessore alla cultura Francesco Mussuto esprimendo soddisfazione per la firma, nei giorni scorsi, della convenzione con l'ufficio scolastico regionale della Calabria finalizzata ad incrementare ulteriormente le visite guidate delle scuole di ordine e grado d'istruzione della Calabria a Cirò.

Questi sottolinea la necessità di politiche di inclusione e di solidarietà, volte a creare una vera e propria task force per eliminare ogni forma di precariato e di zone d'ombra nel settore occupazionale, premiando i talenti e le eccellenze.

"L'iniziativa – sottolinea Mussuto – segue all'impegno avviato nel 2017 sotto la spinta del Sindaco Mario Caruso, poi sollecitato in questi ultimi mesi con tanta solerzia dal Primo Cittadino Paletta e con la collaborazione della Dirigente Scolastica Serafina Rita Anania dell'Istituto Omnicomprensivo di Cirò.

Siamo sempre più convinti – aggiunge – che nella riuscita di un progetto concorrano diversi attori che a vario titolo e in maniera sinergica contribuiscono alla sua realizzazione. Con quest'ultimo accordo, che consolida un percorso virtuoso avviato da Cirò negli ultimi anni, l'Amministrazione guidata da Francesco Paletta darà certamente maggiore impulso alla valorizzazione dei beni culturali e dei personaggi illustri del passato che Cirò ha avuto per stimolare ed attrarre target diversi di visitatori, a partire dal turismo scolastico e di prossimità. Restiamo sempre più convinti – continua – che soltanto la Cultura potrà contribuire a far risollevare anche il nostro territorio e l'intero Paese. Bisogna puntare con strategia sui marcatori identitari, che restano, così come dimostrano i trend nazionali ed internazionali, gli autentici attrattori turistico-culturali di una destinazione turistica così come la Città del Calendario ambisce ad essere sempre di più. A noi, istituzioni, Scuola, associazioni e società civile, il compito di riuscire a renderli davvero spendibili, come ingranaggi del solo motore della nostra economia, soprattutto per le nuove generazioni, stimolando ad esempio in loro nuove professioni legate a doppio filo alla valorizzazione manageriale e strategica di tutto ciò che già c'è sulla nostra terra. Senza dover inventarsi nulla. È, questa, la strada maestra sulla quale la Giunta resta convintamente impegnata".