Crotone
 

A Crotone il premio internazionale "Robert Frank Award" per la ricerca di base in odontoiatria

La ricerca italiana conquista un importante risultato al congresso internazionale organizzato dalla I.A.D.R. (International Association of Dental Research), la più autorevole società scientifica nel campo della ricerca in campo odontoiatrico. Nella storica ed elegante sede della City Hall di Vienna, alla presenza del sindaco di Vienna, del presidente europeo della I.A.D.R. e di oltre 800 partecipanti, è stato assegnato il prestigioso premio "Robert Frank Award" per la ricerca di base nella categoria "senior" al dott. Marco Tatullo, Direttore del Centro di Ricerca Tecnologica (Gruppo Marrelli), che ha presentato una dissertazione dal titolo "Human Periapical-cysts Mesenchymal Stem Cells Differentiate into Dopaminergic Neuromelanin-Producing Neurons".

"Sono molto orgoglioso - afferma il dott. Tatullo subito dopo la premiazione - di aver ricevuto questo primo premio in un congresso così prestigioso: sentire il proprio nome, il nome della propria Azienda, nella cornice gotica del Wiener Rathaus ti ripaga dei tanti sacrifici fatti per essere lì, ed essere il più bravo tra i più bravi. Oggi il mio pensiero va ai miei colleghi del Gruppo Marrelli, tra cui il dott. Francesco Paduano, con cui lavoro ogni giorno, che costituiscono l'anima del nostro lavoro. Ma soprattutto il mio grazie va al dott. Massimo Marrelli ed all'arch. Antonella Stasi, per aver creduto in me e per aver creduto nel valore della ricerca, quella fatta bene, in un contesto difficile come il Sud Italia".

Tecnologica Research Institute di Crotone si occupa da anni di medicina rigenerativa e biomateriali innovativi ed ha in attivo decine di studi. Oggi con soddisfazione portiamo a casa un risultato importante per tutta la squadra, soprattutto per la Città di Crotone, ma non vogliamo fermarci qui: infatti, siamo stati selezionati a rappresentare la sezione europea della associazione IADR nel prossimo congresso mondiale a Londra nel 2018, ed anche lì andremo senza alcun timore reverenziale.

"Questa ricerca – continua il dott. Tatullo - pone le basi per riutilizzare parte delle cisti dentali, un comune reperto patologico destinato ad essere stoccato nei rifiuti biologici, per reperire cellule staminali, che poi andremo a trasformare in neuroni dopaminergici capaci di produrre melanina, esattamente gli stessi neuroni che vengono attaccati nel Morbo di Parkinson: in questo modo, possiamo pensare ad un futuro utilizzo di questi modelli sperimentali in trials terapeutici innovativi".

Una ricerca che ha subito convinto una giuria composta dai più autorevoli accademici europei, portando sul podio più alto il ricercatore italiano che andrà, pertanto, a rappresentare la sezione europea della I.A.D.R. al prossimo congresso mondiale.

"La sinergia tra le università virtuose, come la "Federico II" di Napoli e la "Aldo Moro" di Bari, ed i centri di ricerca privati, come "Tecnologica Research Institute di Crotone" - conclude il premiato - è strategica per sostenere la competizione internazionale e per consolidare un solido expertise nei diversi campi di ricerca e sviluppo pre-competitivo. Mi ritengo onorato di aver vinto questo premio, dando visibilità alla ricerca italiana nel settore dentale: va fatto un plauso a chi crede nei giovani ricercatori e sa coglierne le eccellenze, poiché questo è il momento in cui serve più che mai una ricerca di qualità per emergere in ambito internazionale, dando lustro all'Italia ed alla scuola odontoiatrica italiana, che resta sempre la migliore".