Crotone
 

Crotone, i Giovani Democratici: "Nomina De Luca ad assessore enorme forzatura"

"Ormai possiamo dire che la tanto attesa nomina dell'Assessore all'Urbanistica del Comune di Crotone si è conclusa nel peggiore dei modi.

La designazione di Rori De Luca in uno degli scranni più importanti e decisivi in Giunta, e quindi per lo sviluppo della città, rappresenta il più grave e concreto esempio di come questa Amministrazione interpreti il proprio ruolo con arroganza ed inconsistenza amministrativa.

La critica che in quanto forza di opposizione abbiamo il dovere di avanzare, per amore della città e non per tornaconti personali, non riguarda né può riguardare la persona bensì unicamente la scelleratezza nelle scelte di chi voleva proporsi come "il nuovo che avanza".

Ciò che riteniamo inaccettabile è l'arroganza che la coalizione al governo della città continua a mostrare, ritenendo qualsiasi critica o segnalazione una sfida personale o un attacco "al benessere generale della città", trincerandosi sempre dietro a riferimenti al "passato", quel passato di cui questa giunta sembra essere erede universale.

La nomina di Rori De Luca ad assessore rappresenta una grave forzatura del potere di nomina politica, in spregio delle pacifiche norme che regolano le incompatibilità negli incarichi della pubblica amministrazione.

Per l'appunto è il buon senso, prima ancora che le norme del Testo unico sugli enti locali violate, a parlare: chi ha fatto causa al Comune di Crotone ed ha un contenzioso con questo, per di più economico, non può e non deve diventarne Assessore.

Un principio semplice quanto incomprensibile all'Amministrazione che ha preferito andare avanti nella sua scelta incurante degli autorevoli pareri negativi avanzati da più parti, primo tra tutti quello del Segretario Generale Bruno Rosaspina, Responsabile Anticorruzione dell'Ente, defenestrato poichè legittimamente esercitava le sue funzioni e le prerogative dettate dalla legge.

Viene da chiedersi se, dopo aver atteso per oltre un anno la nomina di uno degli incarichi più importante in seno alla Giunta, fosse davvero necessario procedere in questi termini ed in questi modi proprio adesso che Crotone ha bisogno di ripartire senza esitazioni.

Una forzatura criticabile sotto il piano dell'opportunità politica oltre che giuridica.

La legalità, prima che essere sbandierata trionfalisticamente in ogni occasione, è anche rispetto delle norme che regolano le nomine politiche.

Ci auguriamo che prevalga il buonsenso e che l'interessato ed il Sindaco facciano rimedio a questa grave, gravissima incongruenza il prima possibile". Lo affermano in una nota i Giovani Democratici di Crotone.