Cosenza
 

Frascineto (Cs): ordinanza del sindaco per la pulizia e la manutenzione dei terreni, dei lotti e delle aree cortilizie

Il sindaco del Comune i Frascineto, Angelo Catapano, in occasione della stagione estiva, al fine di garantire l'igiene pubblica e per ridare decoro urbano al territorio, ha emanato un'ordinanza finalizzata alla pulizia e alla manutenzione dei terreni, dei lotti e delle aree cortilizie. Il provvedimento in questione è stato stimolato dallo stato di abbandono di numerosi appezzamenti privati che sovente determinano grave nocumento di visibilità e alla viabilità a causa dell'incuria dei frondisti che non provvedono ad eseguire il taglio della vege-tazione incolta, di siepi e di rami di piante che si protendono oltre il ciglio della stradale, la cui incuria, oltre a sminuire il decoro del paese e delle aree private attigue, può favorire la proliferazione di animali pericolosi per la salute pubblica e il rischio per la propagazione di incendi con conseguente grave pregiudizio per l'incolumità delle persone e dei beni.

Il primo cittadino ha ritenuto, pertanto, indispensabile ed urgente adottare gli opportuni provvedimenti fina-lizzati all'esecuzione degli interventi di pulizia delle aree private con riguardo per quelle poste all'interno del centro urbano e quelle poste ai margini delle strade, a salvaguardia dell'igiene pubblica e della pubblica inco-lumità e facendo riferimento alle norme che regolamentano la materia. Ha ordinato altresì, ai proprietari e/o conduttori di lotti e aree consortili nei centri urbani oltre che degli appezzamenti di terreni privati a margine dei centri urbani, dei responsabili di cantieri edili, di provvedere ad effettuare, a propria cura e spese e sotto la propria diretta responsabilità penale e civile, i relativi interventi di pulizia mediante rimo-zione di ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l'incolumità e l'igiene pubblica, in particolar modo provvedendo alla estirpazione di sterpaglie e cespugli, nonché al taglio di siepi vive, di vegetazione e rami che si protendono sui cigli delle strade e alla rimozione di rifiuti, avvertendo che ferma restando l'applicazione delle sanzioni penali ed amministrative previste dalle leggi e regolamenti, e fermi i limiti edittali stabiliti per le violazioni alle ordinanze comunali la cui violazione della presente ordinanza comporta l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria dell'importo variabile da euro 25.00 a euro 50.00.

L'amministrazione comunale, intende, così – ha commentato Catapano , procedere alla riqualificazione, va-lorizzazione e promozione del suo territorio, con azioni di prevenzione per contrastare quei comportamenti, anche omissivi, che favoriscano situazioni generali di incuria, comportando lo scadimento della vivibilità e qualità della vita civile cittadina nei centri urbani e nelle periferie.