Cosenza
 

San Giovanni in Fiore, l'esecutivo municipale: " Irresponsabile chiedere le dimissioni del Sindaco per una gestione commissariale"

"Questo è il momento della responsabilità,di quella civica prima che di quella politica".

E' quanto affermano gli assessori comunali di San Giovanni in Fiore, Marianna Loria, Milena Lopez, Luigi Scarcelli, Giovanni Gentile e Leonardo Straface, intervenendo sull'attuale momento di fibrillazioni politiche scaturire all'indomani dell'ultimo consiglio comunale, nel corso del quale non si è trovata la quadra per la nomina del nuovo presidente dei revisori dei conti.

"Viviamo uno dei momenti più drammatici nella storia della Repubblica – proseguono gli amministratori florensi - sia sotto il profilo sanitario che di quello economico, e non può, un mancato accordo politico sulla nomina del presidente dei revisori dei conti, aprire le porte ad una gestione commissariale della cosa pubblica a San Giovanni in Fiore, perchè ciò significherebbe legare scelte importanti che occorre compiere nei prossimi mesi alla burocrazia dura e pura, come, per fare un solo esempio, le procedura di sostegno ai cittadini ed alle classi produttive ed economiche che si dovranno approvare da qui a breve. Ed, infatti, l'ultimo consiglio comunale ha registrato solo una assenza di accordo sul prossimo presidente dei revisori dei conti, essendo pronti l'assessore alle politiche sociali, Marianna Loria, e l'assessore all'ambiente, Giovanni gentile, a relazionare sui due altri punti posti all'ordine del giorno, quali i Buoni spesa Covid-2019 e la chiusura della strada di accesso alla discarica del Vetrano. In questo contesto c'è da evidenziare il fatto che il punto della discussione sui Buoni Spesa Covid-19, già prima dell'apertura dei lavori consiliari era stato cancellato dall'agenda dei lavori per volontà delle opposizioni, manifestata nella conferenza dei capigruppo che precede l'assise consiliare. Per cui, rispetto a ciò, chi afferma altro dalle file delle minoranze, mente spudoratamente e consapevolmente inseguendo esclusivamente fini elettoralistici, tant'è che si chiedono le dimissioni del Sindaco a pochi mesi dalla fine del mandato, in maniera del tutto irresponsabile".

"In questo momento San Giovanni in Fiore – concludono gli amministratori florensi - non ha bisogno di divisioni e polemiche inutili che ritarderebbero ulteriormente l'assunzione di provvedimenti importanti a favore delle fasce di popolazioni più colpite dall'emergenza Coronavirus."