Cosenza
 

Corigliano Rossano: pubblicati i criteri per il bonus spesa

Fondo di solidarietà alimentare, soccorrere con immediatezza quelle persone che, per effetto dell'emergenza in atto e del suo rapido evolversi in pandemia si siano ritrovate improvvisamente in una situazione prossima all'indigenza che ha prodotto in taluni nuclei familiari la repentina scoperta di una sopravvenuta impossibilità di provvedere al proprio sostentamento.

È l'obiettivo del decreto attraverso il quale il Sindaco Flavio Stasi ha definito i criteri per gli interventi a beneficio dei nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall'emergenza epidemiologica da virus Covid-19 e tra quelli in stato di bisogno.

La Protezione Civile nazionale ha assegnato al Comune di Corigliano-Rossano la somma di oltre 717 mila euro.

Per essere destinatari del bonus bisogna essere residenti nel Comune di Corigliano-Rossano al momento di presentazione della domanda; non essere percettori di altre misure a sostegno del reddito predisposte dallo Stato per emergenza COVID-19, non essere percettori di altra misura di intervento statale (Reddito di Cittadinanza, REI, NASPI, etc.) di importo superiore a 150 euro mensili ; non avere in essere un contratto di lavoro dipendente o assimilato; non avere altri redditi derivanti da proprietà di ulteriori unità immobiliari oltre la casa di abitazione, a meno che venga comprovato che non venga percepito alcun canone di locazione.

Domani (giovedì 2 aprile) partiranno le manifestazioni di interesse da parte degli esercizi di vicinato come generi alimentari, macellerie, supermercati, ortofrutta e pescherie, per stilare l'elenco degli aderenti. Contestualmente domani l'ufficio Diritti Sociali dell'ente avvierà la fase di acquisizione delle istanze di contributo. Sarà, quindi, effettuata la valutazione dei beneficiari in aderenza ai criteri adottati al fine di attribuire a ciascun nucleo familiare un buono spesa da utilizzare presso gli esercizi aderenti.

120 euro per il nucleo composto da una sola persona; 180 per quello composto da due. Le famiglie con tre membri potranno ottenere un bonus alimentare di 240 euro. 300 euro per le famiglie composte da 4 persone; 360 per quelle composte da 5 o più persone. La presenza di neonati (0-3 anni) dà diritto ad ulteriori 50 euro complessivi. Le somme saranno così ripartite.

Le istanze di partecipazione saranno disponibili esclusivamente sul sito istituzionale del Comune e dovranno essere inoltrate solo online all'indirizzo di posta elettronica dedicato. Non servirà quindi recarsi in comune e non serve modulistica reperita altrove.

La consegna del bonus alimentare avverrà, alternativamente, presso il domicilio del beneficiario a cura dell'Ufficio Servizi Sociali, con l'ausilio della Protezione Civile, oppure previo appuntamento con gli assistenti sociali.