Cosenza
 

L’amministrazione comunale di Trebisacce accoglie gli studenti del Liceo Scientifico ‘G. Galilei’ in visita

Nell'ambito del "Progetto Europeo Cittadini d'Europa - Tre" l'Amministrazione comunale di Trebisacce ha aperto le porte della Casa comunale agli studenti delle classi IV e V del Liceo Scientifico G. Galilei.
Gli studenti, nell'ambito di un progetto che si pone come obiettivo di informare i cittadini più giovani sulle dinamiche della macchina comunale, hanno visitato gli uffici comunali e incontrato il sindaco Franco Mundo, l'Assessore all'istruzione Roberta Romanelli, l'Assessore ai lavori pubblici Filippo Castrovillari, i responsabili d'area Carmela Vitale e Magda Fiorello, e l'agente di polizia locale Luigi Malatacca.
Si è tratto di un appuntamento importante, attraverso il quale coloro che domani saranno chiamati a guidare la Città di Trebisacce, hanno potuto conoscere alcuni dei meccanismi che regolano gli uffici comunali e le procedure burocratiche e amministrative.

"È un'importante occasione – ha detto loro l'Assessore all'istruzione Roberta Romanelli – per avvicinarvi al mondo della pubblica amministrazione e del Comune di Trebisacce dato che voi giovani potreste essere la futura classe dirigente o politica. Ognuno di voi proseguirà il proprio percorso di studi, si formerà all'università o in altri contesti, forgiando il proprio futuro. Ma non dimenticate che il vostro paese ha e avrà sempre bisogno di voi, del vostro talento, della vostra inventiva, della vostra capacità di leggere il vostro e il nostro presente. Io e miei colleghi, insieme a tutti coloro che operano all'interno del Comune di Trebisacce, con in prima fila il Sindaco che non smetta di spendersi per Trebisacce, ce la mettiamo tutta per rendere la nostra realtà moderna, vivibile e ambiziosa, cercando di creare le migliori condizioni per voi, affinché domani possiate scegliere di vivere qui, dove siete nati. Imparate, anche da questa esperienza, che ognuno di noi è parte, unica e speciale, di un meccanismo posto al servizio della nostra comunità. Uniti cresciamo e diventiamo più forti e resilienti, capaci di affrontare le difficoltà che la vita, amministrativa e scolastica, ci sottopone. Spero che questo momento di cittadinanza attiva, attraverso il quale le barriere tra amministratori e cittadini, spesso solo teoriche, di fatto crollano, sia per stato per voi un momento di crescita come lo è stato per tutti noi".