Cosenza
 

Corigliano Rossano (Cs), la lettera dell’assessore Novellis ai dirigenti per l’inizio del nuovo anno scolastico: “Scuola sia equa e inclusiva”

"Siate orgogliosi di quello che fate, di un lavoro talmente nobile che diventa servizio garante di crescita, arricchimento umano e culturale, palestra di vita, che possa scoprire e valorizzare i talenti insiti nei nostri alunni. Prendetevi cura di loro, tanto delle fragilità, quanto delle intelligenze, fate che le diversità possano diventare opportunità di crescita e arricchimento reciproci, in un'azione di abbattimento di quelle barriere mentali ed ideologiche che inibiscono i processi di emancipazione morale ed intellettuale. Siate veicolo di valori e di insegnamenti che possano costituire le fondamenta su cui costruire scenari di crescita, valorizzazione e miglioramento". Sono, questi, alcuni dei passaggi contenuti nella lettera che l'assessore alla Città della Cultura e della solidarietà Donatella Novellis ha destinato ai dirigenti delle comunità educanti di Corigliano-Rossano, formulando a nome dell'Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Flavio Stasi, l'augurio di un buon inizio di anno scolastico. La Novellis ha colto l'occasione per rivolgere loro l'invito ad aderire e partecipare, venerdì 27, all'evento A scuola con Neilos, in occasione della celebrazione del Santo Patrono Nilo da Rossano. L'evento si terrà alle Ore 16 nella palestra del Liceo Classico San Nilo, alla presenza, tra gli altri, dell'Arcivescovo della Diocesi Cariati-Rossano Mons. Giuseppe Satriano.

La lettera integrale dell'assessore: "È con gioiosa emozione che Vi rivolgo gli auguri più autentici di un anno scolastico da vivere in sinergica e armoniosa condivisione, spirito di collaborazione fattiva e confronto costruttivo. – Formulo gli auguri a voi tutti Dirigenti, depositari ciascuno di una propria leadership che vi rende professionisti unici ed esemplari, nonché artefici di quella scuola di qualità equa, inclusiva e sostenibile che deve diventare l'eccellenza del nostro territorio, donando motivazione ai nostri giovani: dai più piccoli a quanti si apprestano ad affrontare la maggiore età. Rivolgo un augurio speciale ai neo Dirigenti Mauro Colafato, Immacolata Cosentino, Elena Salvati che, inaugurando una nuova fase delle proprie vite, ci impreziosiscono della loro competente presenza.

Sentitela tutta la passione che sto mettendo nello svolgere con impegno ed entusiasmo il ruolo che il nostro Sindaco mi ha affidato. Sentitelo tutto l'amore che – da mamma, da insegnante, da cittadina, da persona – nutro verso la comunità scolastica, verso il delicato servizio che siamo chiamati quotidianamente a svolgere. – Possa il mio messaggio augurale giungere a tutte le altre componenti delle comunità educanti: personale docente, educativo ed ATA, bambine e bambini, alunne ed alunni, studentesse e studenti con le proprie famiglie.

Siate orgogliosi di quello che fate, di un lavoro talmente nobile che diventa Servizio garante di crescita, arricchimento umano e culturale, palestra di vita, che possa scoprire e valorizzare i talenti insiti nei nostri alunni. Prendetevi cura di loro, tanto delle fragilità, quanto delle intelligenze, fate che le diversità possano diventare opportunità di crescita e arricchimento reciproci, in un'azione di abbattimento di quelle barriere mentali ed ideologiche che inibiscono i processi di emancipazione morale ed intellettuale. Siate veicolo di valori e di insegnamenti che possano costituire le fondamenta su cui costruire scenari di crescita, valorizzazione e miglioramento.

Sentitemi prossima ai vostri desiderata, ai vostri progetti, alle idee. Non consideratemi una semplice stakeholder: il mio profondo e compartecipe interesse – oltre che istituzionale - diventa voglia di fare e costruire insieme in piena ed assoluta condivisione. Sentitemi concretamente vicina. – Continuiamo – così come già stiamo facendo – a relazionarci reciprocamente, teniamoci in contatto costante, in un'azione tesa a migliorare le situazioni esistenti, a programmare insieme azioni future. Non lasciamoci scoraggiare dalle numerose criticità che insieme abbiamo riscontrato, particolarmente nell'edilizia scolastica.

Ci stiamo impegnando insieme ad affrontare le emergenze più urgenti e rilevanti, attraverso la via del dialogo e del confronto. Così dobbiamo continuare, con fiducia in un'azione incisivamente reciproca e in una visione positiva di quanto seguirà. – Sto lavorando ad idee e progetti da realizzare insieme a voi, consapevole di come l'Ambiente Scuola sia terreno fertile per la realizzazione di alcuni sogni. E se i sogni sono condivisi, hanno maggiore probabilità di diventare piacevoli realtà".