Cosenza
 

Torna in Sila il festival “Rifugi inCantati”: il 14 luglio il concerto della Bandabardò

Festa in alta quota con il ritorno di "Rifugi inCantati, musica, escursioni e gastronomia sulle vette silane" voluto dal G.A.L. Sila Sviluppo dopo la prima parte che si è tenuta a marzo.
Sulla cima di Monte Curcio, a Camigliatello Silano, domenica 14 luglio, la Sila torna a essere il centro della musica in piena estate grazie alla seconda sessione del festival che vedrà esibirsi in concerto la Bandabardò a partire dalle ore 15. Il concerto della storica band italiana sarà preceduto, con inizio dalle ore 12, dalle esibizioni musicali di Leon Pantarei & Renanera e di Moti rivoluzionari.
Tutto intorno ai palchi ci saranno le aree ristoro e il percorso del gusto curato dal G.A.L. Sila Sviluppo che ha ideato un evento che permetta a tutti, dai più giovani sino alle famiglie, di godersi una splendida giornata su una delle cime più alte della montagna calabrese con ottima musica e cibo prelibato. Grande contributo alla giornata verrà dato dall'Arsac – Azienda regionale per lo sviluppo dell'agricoltura calabrese che, sposando in toto l'evento, ha riservato, per chi parteciperà alla grande festa di Monte Curcio, l'uso esclusivo degli impianti di risalita del Tasso. Ma non è tutto. Il G.A.L. Sila Sviluppo sta stipulando convenzioni con alberghi della zona, aderenti alla rete Destinazione Sila, per permettere alle famiglie e agli amanti della montagna e del turismo sostenibile, di trascorrere, a prezzi modici, una o più giornate in Sila e con una serie di servizi gratuiti per i giovanissimi fino a 12 anni di età. In fase di definizione, inoltre, sono le escursioni con gli esperti di trekking per poter godere di Monte Curcio al meglio e non solo.

Il Festival si inserisce in un contenitore più ampio, "Sapori e Colori lungo le sponde dei laghi silani", progetto che gode del finanziamento dalla Regione Calabria previsto per eventi culturali storicizzati di carattere nazionale (Azione 1.1) L'obiettivo del G.A.L Sila Sviluppo è promuovere il territorio in tutti i suoi aspetti attraverso eventi artistico-musicali che diventino attrattore per valorizzare il paesaggio e le ricchezze del territorio. L'intento, inoltre, è quello di valorizzare la montagna e accogliere i turisti in Sila come alternativa e affiancamento al mare calabrese.
L'evento clou sarà il concerto della Bandabardò che torna in Sila per celebrare i 25 anni della propria storia. Monte Curcio è una tappa del viaggio estivo attraverso i festival di tutta la penisola. La Banda ha pubblicato il nuovo singolo Zobi La Mouche, un'idea nata quasi per gioco durante il tour per i 25 anni di carriera. Il nuovo tour della Bandabardò si preannuncia come una grande festa che scuoterà tutta la Sila a partire dalle 15. Alle ore 12 si inizierà con il live di due realtà altrettanto danzerecce: Leon Pantarei & Renanera e di Moti rivoluzionari. Dall'incontro tra Leon Pantarei, "guru" della Groove therapy e i Renarena, band lucana dal sound elettronico di matrice etnica, nasce Rhythmology, un nuovo progetto destinato a far ballare tutti al suono della World Dance.
I Moti rivoluzionari sono, invece, una band emergente di Acri (grande centro della provincia di Cosenza), che ha rappresentato la Calabria a Sanremo Rock con le sue sonorità folkloristiche ska e rock contenute nell'ep Nemico del Sol.
Costo del biglietto, compresa risalita, € 15,00, ingresso gratuito sino a 12 anni.
Per Info e prevendita: info.glasila.it, inprimafila.net sulla pagina social del G.A.L. Sila
(https://www.facebook.com/galsila/).