Cosenza
 

Il comitato Cassano Ionio Cinque Stelle: "Bene lavori di pulizia del verde pubblico"

Il comitato Cassano Ionio Cinque Stelle prende atto, con viva soddisfazione, che da qualche giorno sono iniziati i lavori di pulizia del verde pubblico cittadino. "Probabilmente anche la nostra segnalazione ha contribuito a smuovere le acque stagne e di questo non possiamo che esserne soddisfatti: la politica è fatta di progettualità ma è fatta anche di discussione democratica dei problemi della Città e noi questo vogliamo fare, per ridare un senso alla politica, quel senso ormai smarrito in questa nostra collettività.

Ed a proposito di problematiche, nell'ultimo incontro del Comitato, la nostra attenzione si è soffermata su un altro rilevante disagio della nostra città: l'emergenza abitativa.

Sono anni che si prova a discutere di questo argomento, ma mai si è presa in seria considerazione l'idea di una vera e propria "Politica della casa" da parte dei competenti uffici comunali.

Nel Comune di Cassano lonio ci sono cittadini, sia singoli che nuclei familiari, che non possono permettersi l'acquisto di una casa o l'accesso ad un mutuo e molti di questi cittadini vivono abitazioni disumane ed al di fuori di ogni concetto di dignità e di progresso. La condizione abitativa non è solo una questione di decoro, è la condizione necessaria affinché ognuno possa vivere decentemente e lontano dai pericoli e dalle emergenze igieniche e sanitarie.

Auspichiamo di stimolare il dibattito politico su una vera e propria "Politica della Casa", che sappia tener conto anzitutto della dignità di tutti i cittadini ma anche lanciare proposte valide e realizzabili per un sostegno reale a chi ancora non può permettersi la prima casa.

Il nostro centro storico, dove l'acqua arriva per poche ore al giorno, vive uno stato di abbandono senza precedenti e diversi sono gli immobili abbandonati. Tra le altre cose, negli ultimi venti anni sono stati spesi più di tre milioni di euro da parte dell'Aterp (Agenzia Territoriale Ediliza Residenziale Pubblica) per il recupero di alcuni palazzi gentilizi e di alcuni appartamenti da destinare a civili abitazioni e luoghi di pubblica utilità.

Purtroppo la situazione di abbandono è sotto gli occhi di tutti. Ciò che ci preoccupa di più è l'esempio sbagliato che questa politica scellerata di gestione del territorio ha dato a di decine e decine di cittadini, molti bambini che in questi venti anni sono diventati uomini e donne, oggi padri e madri di famiglia, in cerca di una prima casa. Anche a causa di questi esempi, la gente di Cassano ha perso fiducia nella politica e nello Stato: occorre pertanto ridare speranza a queste persone, iniziando proprio dalla politica della casa, affinché ognuno possa avere la certezza di avere un tetto sulla testa e così programmare con serenità la propria vita.

Seguendo quest'ottica, l'Amministrazione Comunale potrebbe acquistare a costi irrisori gli immobili abbandonati, ripristinarli in economia e concederli in comodato gratuito a cittadini a basso reddito. Un incentivo che darebbe la certezza della prima casa a tanti cittadini e contribuirebbe a ripopolare il centro storico, oramai in preda all'abbandono.

Come già detto, ci auspichiamo di stimolare il dibattito politico su questa questione, soprattutto nei mesi a seguire dove le varie forze politiche della città dovranno tirar fuori i loro programmi. Iniziamo a dare certezza alla gente di Cassano, i giovani dopo la speranza del lavoro, hanno perso la speranza di crearsi una famiglia a Cassano. Riflettiamoci su".