Cosenza
 

Cassano allo Ionio (Cs), comitato in difesa del diritto alla salute: "Sanità calabrese emergenza nazionale, serve responsabilità e buon senso"

"La sanità calabrese è un'emergenza nazionale. A Cassano All'Ionio lo è da 40 anni. Direi una vergogna nazionale". Lo sostiene Francesco Garofalo, portavoce del Comitato Spontaneo di Cittadini per il Diritto per la Salute della città delle terme.

"Questo è il minimo che la classe politica di ogni ordine e grado, deve provare. In tutti questi anni, i cittadini sono stati lasciati in balia delle onde e costretti ad emigrare anche per questioni che riguardano la salute.
Non sono stati garantiti i livelli minimi essenziali, la medicina territoriale inesistente, lunghe liste di attesa, assistenza domiciliare ed oncologica un miraggio.
Nella città di Cassano è molto di più. Sarebbe dovuto entrare in funzione un ospedale nel 1968, , ed oggi. – evidenzia Garofalo -, rappresenta il simbolo dello sperpero del danaro pubblico. Una vera e propria cattedrale nel deserto, su cui il Ministro per la Salute Giulia Grillo, farebbe bene a rivolgere lo sguardo, atteso, che anche il Comune di Cassano fa parte della Calabria e dell'Italia.
Certamente i cittadini di questo importante territorio dell'alta Calabria, non sono da considerare di serie b, ma meritano rispetto, attenzione e risposte adeguate in un settore così delicato che riguarda la salute pubblica".

E ancora: "Tutto questo non è ammissibile ed è per questo, in vista del prossimo Consiglio dei Ministro che si terrà in Calabria, siamo nuovamente costretti ad intervenire per chiedere, a coloro che detengono il potere decisionale sulla sanità calabrese, un atteggiamento responsabile e di buon senso nei confronti, prima di tutto, dei cittadini e dei tanti malati che sono costretti a scappare dalla propria terra per curarsi in quanto le strutture pubbliche sono ormai allo stremo.
Di certo,- ha concluso Garofalo -, non intendiamo arretrare e lasciare chi, in questo momento, soffre per l'abbandono politico che ha portato la sanità in questo territorio al collasso, con la consapevolezza che l'indifferenza e il lassismo possano finalmente lasciare il posto ad interventi concreti".