Cosenza
 

Cosenza, il 26 marzo va in scena “Il Conte Tacchia” con il mattatore Enrico Montesano

Martedi 26 marzo, alle ore 20.30, torna la grande tradizone della commedia musicale italiana con "Il Conte Tacchia" con il mattatore Enrico Montesano.
Finanziato dalla Regione Calabria, quale evento storicizzato- sull'avviso pubblico per la selezione e finanziamento di interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali, la qualificazione e il rafforzamento dell'offerta culturale- vede, inoltre, il supporto dell'Amministrazione comunale di Cosenza. Organizzato dalla società "L'AltroTeatro" guidata dal gruppo di operatori del mondo dello spettacolo locale: Enzo Noce, Giuseppe Citrigno e Gianluigi Fabiano. Sul palco del Teatro A. Rendano 19 appuntamenti all'insegna della grande drammaturgia senza dimenticare, però, il divertimento e il puro spettacolo. Prosa, dai grandi classici agli autori contemporanei e poi, commedie e musical, questi gli ingredienti del cartellone ideato da "L'AltroTeatro".
"Il conte Tacchia" Torna sul palcoscenico con la sua nuovissima commedia musicale "Il Conte Tacchia". Dopo Rugantino e Il Marchese del Grillo, grandi successi applauditi in tutta Italia, Enrico Montesano affronta un altro popolare personaggio romano per chiudere la sua trilogia. Autore della regia e della versione teatrale scritta con Gianni Clementi, Montesano presenta al suo pubblico un'altra appassionante commedia ambientata nella Roma antica dei primi del novecento, tratta dall'omonima pellicola cinematografica di Sergio Corbucci con scene aggiunte che andranno ad integrare la storia. Per la prima volta sul palcoscenico teatrale, il divertente personaggio di Francesco Puricelli prenderà di nuovo anima per far ridere il suo pubblico con la sua comicità e le sue gags. Un cast di valenti attori e di scatenati ballerini animeranno il palcoscenico con costumi d'epoca sulle musiche originali del Maestro Armando Trovajoli e nuove canzoni scritte appositamente per la Commedia dal Maestro Maurizio Abeni. Liberamente tratta dall'omonimo film del 1982 diretto da Sergio Corbucci. Il Conte Tacchia, rappresenta uno dei personaggi cinematografici di Enrico Montesano più celebri e apprezzati dal pubblico. Insieme a Rugantino e al Marchese del Grillo costituisce un altro capitolo dedicato ai personaggi più caratteristici di Roma, in un arco temporale che va dalla Roma papalina alla Roma post unitaria. La commedia musicale ripercorre in chiave comico-brillante alcune vicende ispirate al personaggio di Adriano Bennicelli, soprannominato il Conte Tacchia per via delle sue origini di artigiano-falegname, realmente vissuto a Roma ai primi del Novecento. Le scene ispirate dalle location del film sono di Carlo De Marino. Accurato il lavoro di ricostruzione dei costumi d'epoca realizzato da Valeria Onnis. Manolo Casalino dirige il corpo di ballo formato da dodici abili ballerini specializzati nel genere musical.