Cosenza
 

Cosenza, la Polizia Municipale presenta alla Commissione Trasporti un progetto di educazione stradale per le scuole

E' un contatto quotidiano quello che gli operatori della polizia municipale di Cosenza hanno con i bambini, anche in virtù del servizio che, a rotazione, prestano davanti agli istituti scolastici, nell'orario di ingresso e di uscita. E spesso sono proprio i bambini i più sensibili al rispetto delle regole, tanto da far notare agli adulti qualche 'distrazione' di troppo. Con grande sensibilità le istruttrici della Municipale di Palazzo dei Bruzi, Maria Cattolico Morello e Flaviana Scalercio, hanno ideato un progetto di educazione stradale, voluto anche dal responsabile della viabilità cosentina, l'ispettore Giacomo Fuoco, e lo hanno presentato alla Commissione Trasporti, presieduta da Gisberto Spadafora, convinte dell'importanza di rafforzare nei bambini i giusti comportamenti da adottare in strada in modo da divenire adulti reponsabili e consapevoli dei pericoli. Il progetto è destinato a bambini dagli otto ai dieci anni, "la fascia di età ideale - hanno spiegato in Commissione - per l'apprendimento della condotta da osservare in strada, da assimilare non come regole costrittive ma come naturale prassi comportamentale". Si lavorerà, quindi, per sviluppare nei bambini senso di responsabilità, rispetto dei diritti degli altri, presa di coscienza delle norme che regolano la vita sociale, capacità di muoversi senza pericolo negli spazi urbani e sulle strade, conoscenza delle regole di comportamento da adottare in qualità di pedoni, ciclisti o passeggeri su veicoli pubblici e privati. "I bambini – hanno detto ancora le istruttrici Morello e Scalercio – avranno anche modo di intervistare gli agenti della Municipale, di conoscere gli strumenti di cui si avvalgono per il loro servizio, di fare osservazioni guidate dell'ambiente strada imparando a conoscerne i 'segni', e tanto altro. Al termine del percorso ci sarà il momento di verifica, diversificato a seconda della classe e quindi dell'età".

Il progetto articolato e complesso si realizzerà in step, già a partire dall'anno scolastico in corso. Un impegno alla tempestività assunto – dopo il voto a maggioranza della Commissione – dal presidente Gisberto Spadafora che ha subito coinvolto il dirigente del settore educazione Mario Campanella per la diffusione capillare negli istituti comprensivi della città, prevedendo, grazie al contatto diretto con i dirigenti scolastici, già una prima fase a breve termine. Contestualmente, il presidente Spadafora ha chiesto al dirigente della Polizia Municipale Giovanni De Rose la predisposizione di un apposito Piano di lavoro per gli operatori della Polizia Municipale.