Cosenza
 

Mendicino (Cs), i consiglieri Vena e Giordano: “Annullare cartelle esattoriali Cosap”

"E' con grande sconcerto che apprendiamo che, in questi giorni, la società Andreani Tributi che si occupa dei tributi minori della nostra città, sta emettendo cartelle esattoriali relative al Canone di Occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche (C.O.S.A.P.), riguardanti i cosiddetti passi carrabili per l'anno 2018. Le somme richieste sono ragguardevoli e fanno riferimento al canone annuale e alle sanzioni per occupazione abusiva, oltre agli interessi moratori.
Da consiglieri di minoranza, che hanno più e più volte in Consiglio Comunale espresso la loro contrarietà all'esternalizzazione del servizio di riscossione dei tributi minori, vogliamo esprimere la massima contrarietà rispetto all'opportunità di introdurre un salatissimo balzello in un momento di grosse difficoltà economiche per moltissime famiglie della nostra comunità.
Un atto amministrativo di tale portata avrebbe richiesto, quantomeno, una discussione in consiglio comunale, massimo organo in tema di tributi locali, atteso che, il regolamento a cui si fa riferimento nelle cartelle risale a venti anni fa.
Chiederemo, pertanto, una convocazione della massima assise cittadina per aprire un'ampia discussione mirante ad una rivisitazione del regolamento COSAP al fine di prevedere tariffe annue per metro quadrato che non facciano superare di qualche decina di euro il canone annuale; chiederemo anche l'esenzione totale per i pensionati a basso reddito e per le famiglie con componenti con disabilità.

In attesa sarebbe opportuno da parte della società l'annullamento delle cartelle in autotutela tenuto conto del fatto che la sanzione per occupazione abusiva di suolo pubblico, irrogata senza una preventiva comunicazione agli interessati, potrebbe aprire dei contenziosi amministrativi inutili e vessatori.

Ci sembrano delle proposte di buon senso che speriamo trovino accoglimento nella maggioranza e che alleggerirebbero il carico fiscale fin troppo pesante e soffocante". Lo scrivono in una nota i consiglieri comunali Raffaele Vena e Rossella Giordano.