Cosenza
 

Amantea (Cs), Menichino e Sicoli (M5S): “Bene visita della parlamentare Corrado in città”

"Margherita Corrado è stata la prima parlamentare della XVIII legislatura della Repubblica a venire in visita ad Amantea. E questo ha un significato preciso per noi". Lo dichiarano le consigliere M5s Menichino e Sicoli insieme a tutto il gruppo M5s della città tirrenica. "Siamo convinte - aggiungono - che Amantea e la Calabria possano rinascere solo da una promozione seria, attenta e competente del territorio e dalle sue enormi risorse che uniscono bellezze naturali mozzafiato ed immenso patrimonio storico-culturale.

A Margherita, che molto prima di essere una senatrice è una archeologa-guerriera che ha speso se stessa per difendere il territorio calabrese a partire da Crotone sfidando potere istituzionale e mafia, abbiamo cercato di mostrare la natura e la cultura amanteane.

"Ringraziamo tutti, tutti coloro che sono intervenuti testimoniando a diverso titolo il loro impegno per il territorio e li invitiamo ad aiutarci a diffondere il monito della senatrice Corrado: 'essere attivi e impegnarsi nella creazione di progettualità serie sulla base di una certezza, che non è la mancanza di soldi e finanziamenti a tenere la Calabria al palo'.

In una terra dove non c'è nemmeno l'assessorato al Turismo - conclude il Gruppo M5s Amantea - e dove le istituzioni sono sorde, cieche e incapaci (amministrazione comunale di Amantea non pervenuta), quando non sono conniventi con la mafia, occorre che i cittadini comincino un'opera di sensibilizzazione e si attivino in prima persona.

Quello che è nato una settimana fa, lo possiamo chiamare "Comitato Cittadini di Temesa" che come primo impegno parteciperà domenica 29 luglio all'evento che si terrà a Tiriolo, dove una cooperativa di giovani guidati dall'archeologo Riccardo Stocco ha vinto un bando CulturaCrea conquistando la possibilità di gestire il museo di Tiriolo e creando posti di lavoro, in sostanza una crescita culturale ed economica. Un esempio virtuoso da imitare e contaminare anche alle istituzioni perché comprendano il fondamentale messaggio che "di cultura oltre a nutrire l'anima si può vivere e nutrire i cittadini calabresi, tra i più poveri d'Europa".