Cosenza
 

Rossano (Cs), Comune su sciopero autisti: "Nessuna invenzione, richiesta Usb a Prefettura era invalida"

"Sciopero autisti scuolabus, non vi è stata sulla vicenda alcuna invenzione di nessun tipo, né alcuna diffusione di false notizie da parte dell'Amministrazione Comunale. – Facendo seguito ad una precisa e circostanziata istanza dell'assessore al personale Dora Mauro del 15 Marzo (che si allega) è stata la stessa Prefettura di Cosenza a far pervenire il successivo 16 Marzo 2018 all'Ente copia (che si allega) della risposta trasmessa in data 12 Marzo al Segretario dell'USB – Coordinamento Territoriale Corigliano-Rossano e nella quale testualmente si riporta che: la citata richiesta del 14 Febbraio (di avvio della procedura di raffreddamento e conciliazione) non risulta esser stata acquisita al protocollo informatico di questo Ufficio che garantisce agli atti il carattere di ufficialità dell'avvenuta ricezione". Lo si legge in una nota dell'Amministrazione Comunale di Rossano.

"Tradotto significa che la richiesta dell'USB non è mai stata ricevuta ufficialmente dalla Prefettura, circostanza formale e sostanziale che non dava, quindi, alcuna legittimità alla richiesta dell'USB.
Tanto è vero che, come la stessa USB fa capire parzialmente nella sua ultima nota stampa trasmessa ieri (lunedì 19), soltanto a seguito dell'ulteriore contatto telefonico con la Prefettura lo sciopero proclamato (pertanto illegittimamente, delle due l'una) per la giornata di oggi (martedì 20) è sospeso in vista dell'incontro (per la procedura di raffreddamento) convocato ieri dalla stessa Prefettura per il martedì 27 a Cosenza.
Esattamente quanto precisato dall'Amministrazione Comunale nei giorni scorsi invitando a desistere dal proseguire azioni ed iniziative che – lo si ribadisce, rinviando per il merito al previsto incontro in Prefettura – erano, quindi, viziate per irregolarità; si sarebbero collocate al di fuori della legge ed avrebbero prodotto così come produrrebbero ancora soltanto disagi alla cittadinanza, interrompendo un pubblico servizio.
NESSUN PRESUNTO GIALLO SULLA VICENDA. Nessuna clamorosa smentita da parte dell'USB. Nessuna menzogna da parte dell'Amministrazione Comunale. Nessuna campagna di stampa diffamatoria contro nessuno.
E nessun abbandono del tavolo tecnico da parte dell'Esecutivo nei giorni scorsi. Semplicemente perché quel tavolo di confronto e di dialogo l'Amministrazione Comunale è stata costretta purtroppo a dichiararlo chiuso soltanto a causa delle reiterate, gravissime, ingiuriose ed urlate affermazioni politiche destinate all'Esecutivo, dopo aver essa stessa convocato quel tavolo ad hoc: sia per ovviare all'evidente e documentato errore di trasmissione richiesta dell'USB alla Prefettura; sia, soprattutto, per tentare di trovare una soluzione di equilibrio e di ascolto rispetto alle istanze dei lavoratori".