Cosenza
 

Sgarbi a Cosenza, Movimento NOI: "Spieghi perché ha abbandonato la città"

Siamo consapevoli della forte competenza in materia di cultura che abbia Vittorio Sgarbi e siamo stati tra i primi a pensare che la sua opera come assessore alla Città Storica poteva essere un'occasione al rilancio e alla crescita culturale della Città. Con la sua presenza abbiamo sperato che una nuova aurora sorgesse nella Città Storica di Cosenza, abbandonata dall'Amministrazione comunale. Ma così non è stato. Sappiamo che le ragioni di un ritorno possono essere solo dettate dai tempi e dai modi di una strana campagna elettorale che accetta tutto e tutti all'insegna del "vogliamoci bene", perché l'unico obiettivo è quello di racimolare qualche voto in più. Ma a questo punto ci dev'essere dell'altro, bisogna necessariamente chiedersi e chiedere a Sgarbi i motivi che hanno determinato l'abbandono di questa città e le parole usate per giustificare tale abbandono: facendo riferimento "volgarmente" anche alle donne della città. Va spiegato, per rispetto di tutti i cittadini che due anni fa lo hanno accolto a braccia aperte, come solo i calabresi sanno fare, fidandosi, ancora una volta di un sindaco che garantiva lavoro e crescita della Cosenza Storica. Tutto questo non c'è stato, anzi, i crolli e il degrado della Città Storica hanno caratterizzato un rapporto difficile che si è consumato con lo strappo finale delle dimissioni e dopo solo qualche mese è rimasto senza spiegazioni. Andando via dalla Città, Vittorio Sgarbi ha dichiarato che non era venuto per 'scrivere poesie'". Il Movimento NOI vuole conoscere le vere motivazioni che hanno indotto Vittorio Sgarbi ad abbandonare la Città Storica di Cosenza e i cosentini. E per questo rivolgono a lui la domanda.