Cosenza
 

Cosenza, la risposta dell'Assessore De Cicco a Spadafora

"Carissimo Consigliere Francesco Spadafora, ho letto la lettera aperta che hai indirizzato al Sindaco e avendo toccato deleghe che lo stesso Primo Cittadino ha affidato a me, mi sento in dovere di risponderti.
E' sbagliato affermare che il Settore della Manutenzione sia allo sbando. Sicuramente anche il Settore Manutenzione, come tutti i Settori dell'Amministrazione Comunale, soffre di una riduzione notevole di personale avvenuta in questi anni. Basti pensare che nel 2011 il Comune poteva contare circa 1100 dipendenti, mentre a distanza di 7 anni sono scesi a poco più di 500 unità, con un'età media anagrafica e di servizio piuttosto alta. Ma nonostante questo, il lavoro di manutenzione in città prosegue quotidianamente". Lo scrive l'Assessore Francesco De Cicco, rispondendo alla lettera aperta che il Consigliere Francesco Spadafora ha indirizzato al Sindaco.

"Sulle situazioni che tu definisci emblematiche ti do delle risposte puntuali.
Circa la perdita idrica nella frazione di Donnici Superiore, territorio a te molto caro, siamo intervenuti tempestivamente, contrariamente a quanto affermi, con un sopralluogo congiunto dei tecnici del Servizio Idrico con i tecnici della Ditta incaricata nella ricerca e nella riparazione delle perdite sulla condotta idrica comunale. Bene, nelle vicinanze della condotta idrica danneggiata sono presenti due elettrodotti dell'ENEL (una linea ad alta tensione e una a bassa tensione), che impediscono di procedere in tutta sicurezza alla riparazione della perdita. Il Dirigente del Settore Infrastrutture, ing. Francesco Converso, si è nell'immediato messo in contatto formalmente con i tecnici ENEL per programmare la necessaria interruzione dell'energia elettrica nei due elettrodotti. Siamo in attesa che ENEL si organizzi per procedere all'interruzione dell'energia elettrica che interesserebbe una vasta zona circostante. Come Amministrazione Comunale abbiamo manifestato totale disponibilità e siamo pronti ad intervenire in qualsiasi giorno e ora, non appena viene interrotta la presenza di energia elettrica nei cavi.
L'altra situazione, che addirittura definisci sconcertante, è al vaglio dell'Amministrazione Comunale da qualche settimana. La reperibilità dei dipendenti comunali necessita di essere rivista e migliorata, alla luce della forte riduzione di personale avvenuta in questi anni e che proseguirà ancora per qualche anno. Inoltre, bisogna fare i conti con alcuni aspetti normativi e contrattuali, che creano vincoli e limitazioni. Sino allo scorso anno, avveniva ad esempio che i dipendenti, in forze presso il Servizio Idrico, venissero chiamati in orari straordinari per semplici transennamenti o per la copertura di buche sul manto stradale con bitume a freddo. Tenendo presente che ogni dipendente ha un monte ore massimo annuale che non può sforare, ci trovavamo spesso che i dipendenti di importanti servizi come quello idrico, avessero raggiunto il monte ore massimo di reperibilità (180 ore) già dopo qualche mese. Questo sistema a parere di tutti, Dirigenti, Assessore e Dipendenti stessi, non era funzionale alle necessità della città. Allora si è provveduto ad una complessiva riorganizzazione, che in parte è già in essere in altra parte avverrà nelle prossime settimane. Infatti, come ben sai, il nuovo bando, ancora in pubblicazione, per l'affidamento dei servizi di cura del verde e della manutenzione, per intenderci i servizi delle ex coop, prevede per alcuni lotti l'affidamento anche dei servizi di transennamento, copertura di buche ed altre emergenze, che possono capitare in orari pomeridiani. Dunque, abbiamo già in parte ridotto il carico di lavoro straordinario ai pochi dipendenti comunali rimasti in servizio, affidandolo ai lavoratori delle ex coop. Altresì, è stata espletata una procedura di gara per individuare una ditta specializzata per la reperibilità in orari notturni e festivi, per i prossimi due anni, qualora dovesse essere necessario un intervento urgente di varia natura, sempre nell'ambito della manutenzione, ad esempio delle strade, dei marciapiedi, della rete idrica e fognaria e dell'illuminazione.
Come vedi, il mio Assessorato assieme al Settore Infrastrutture presta la massima attenzione e non fa orecchie da mercante, e questo grazie anche al pieno supporto del Sindaco, che quotidianamente viene informato o chiede informazioni sull'andamento dei lavori di manutenzione in città.
Confido nel tuo apporto, quale Consigliere Comunale di maggioranza dalla lunga esperienza politica, nonché primo eletto tra tutti i Consiglieri Comunali alle ultime elezioni amministrative, nella risoluzione dei problemi, che pur ci sono, ma che si stanno già affrontando in maniera precisa e puntuale".