Cosenza
 

A Castrovillari (Cs) le ultime fasi della manifestazione itinerante per la Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza

A Castrovillari si stanno concludendo le ultime fasi della manifestazione itinerante per la Giornata internazionale per idirittidell'infanzia e dell'adolescenza che sta proponendo in queste ore nella sala consiliare del palazzo di città di Castrovillari gli elaborati degli studenti delle scuole superiori e in particolare il filmato conclusivo di tutti le opere delle scuole partecipanti nonché del lavoro più significativo.

L'iniziativa, organizzata dall'Associazione Oltre la Difesa con l'ASssociazione per lo Sviluppo dell'Alto Jonio e l'IIS di Cassano Jonio nell'ambito della Quinta Edizione, che vede pure il patrocinio del Comune del Pollino ( insieme a quelli di Cassano ed Amendolara che hanno ospitato l'azione civica) , nel pomeriggio si trasferirà all'Istituto comprensivo"Vittorio Veneto" dove si terrà un incontro dibattito a più voci con rappresentanti dell'Ordine degli Avvocati, delle istituzioni, specialisti, magistrati.

Un'altra occasione per ricentrare il diritto dei più debolia circa 26 anni dall'approvazione della Convenzione Onu da parte dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza e sulla dignità vilipesa e ancora a rischio. Tema Unico della Manifestazione l'alienazione parentale, già dibattuto negli ultimi tre anni in ambito psicoforense e che ora diviene itinerante con il titolo "Affettività ed Emotività, quando l'abuso diviene illecito": L'alienazione parentale.

Un momento di sensibilizzazione, sostenuto dalla Regione Calabria, dal Garante per l'Infanzia, dall'Unicef, dai Comuni di Castrovillari, Cassano all'Ionio, Amendolara oltre che dal CSV e dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Castrovillari, per riscoprire esigenze e necessità sempre urgentie bisognose di risposte immediate che solo un vero e sentito sguardo Umano verso l'altro possono aiutare. E' la scommessa di questo percorsoall'approccio dell'essere debole di tanti piccoli.