Cosenza
 

Rende, Ap: "Manna adesso paga le cambiali"

"Siamo stati facili profeti, purtroppo per i cittadini di Rende, circa la maggioranza delle "cambiali" del sindaco Marcello Manna, equilibrista del potere che espone la città al degrado e ai ricatti. E puntualmente tutto questo si sta avverando con inevitabili e drammatiche conseguenze per gli incolpevoli cittadini, che vorrebbero acqua dai rubinetti la mattina e non scambi di potere per il potere". Manna ha tradito il voto popolare dei rendesi e ha scelto di cambiare maggioranza imbarcando trasfughi e voltagabbana perché alternativa Popolare pretendeva il rispetto delle regole e della trasparenza. Così, in una nota, il coordinamento cittadino di Ap a proposito delle manovre "oscure" in maggioranza. "La mancanza della maggioranza nella riunione dei capigruppo dell'altro giorno - continua la nota - è la prova del nove che questa stagione di governo per Manna sta per finire perché si regge solo sul ricatto per il tredicesimo voto in aula. "Cambiali" che puntualmente Manna paga e pagherà per tenere in equilibrio una maggioranza che non sta in piedi, avendo tradito la missione politica originaria frutto del consenso popolare. E così uno ad uno i quattro "trasformisti" del potere, di recente ufficialmente alla corte di Manna, vanno all'incasso delle "cambiali". Come leggere diversamente la rielezione di Rausa alla presidenza del consiglio, riconfermato da una maggioranza diversa da quella uscita dalle urne e transugo naturalmente non gratis. Come leggere diversamente la nomina di Vivona, sodale di Verre, a capo della Rende Servizi alla modica cifra di 5000 euro al mese. Come leggere diversamente la recentissima delega al Personale, che voci di corridoio danno assegnata a Cuzzocrea, delega che era in capo all'assessore Iantorno che ieri il sindaco ha improvvisamente revocato. Ma è stato lo stesso Sindaco Manna, qualche settimana fa ad elogiare l'ass. Iantorno, in una conferenza stampa per avere raggiunto ottimi risultati sul piano triennale di fabbisogno di personale 2018-2020 con il quale è stato previsto la stabilizzazione a tempo pieno a tutto il personale del Comune. Ma e' evidente che tutto ciò è stato fatto non per ridimensionare Iantorno ma solo per pagare l'ennesima cambiale al fine di garantirsi il voto in Consiglio e nelle riunioni di capigruppo.

E come leggere la prossima delega alla manutenzione che sarà assegnata, sempre secondo voci di corridoio, a Franchino de Rango se non come pagamento della terza cambiale mentre la quarta cambiale sarà pagata a Verre assegnando la delega alla Polizia Urbana.

Un sindaco che ha preferito gli scambi di potere al governo legittimato dai cittadini. È giunto il tempo che i rendesi - conclude la nota - sappiano di questi e altri "giochetti" alle loro spalle, che puntualmente per il bene della città denunceremo insieme alla minoranza sempre piu' attenta a fare emergere le contraddizioni di una giunta familiare e inconcludente