Cosenza
 

Nuovo ospedale di Cosenza, il circolo cittadino del Pd: “Realizzare servizio sanitario virtuoso”

Il Circolo Cosenza 3 del Partito Democratico segue con attenzione il dibattito in corso circa la realizzazione di un nuovo ospedale a Cosenza.
Nella convinzione che alla politica spetta il compito di fare analisi approfondite e scelte di qualità, con l'unico obiettivo di realizzare un servizio sanitario calabrese virtuoso, che combatta gli sprechi e favorisca l'innovazione tecnologica e la valorizzazione delle risorse professionale esistenti, appare evidente che la scelta dell'ubicazione del nuovo nosocomio cosentino debba essere fatta con il solo intento di rendere un servizio sanitario di qualità, non solo per l'area urbana ma per l'intera provincia e senza trascurare le ricadute urbanistiche e sociali che, inevitabilmente, si avranno sulla città di Cosenza.

In tal senso appare improbabile che un ospedale strutturalmente efficiente e facilmente accessibile possa rimanere sul sito attuale, così come desta molte perplessità l'ipotesi delle aree collinari a sud e ad est della città.
Il nuovo ospedale dovrà avere una posizione baricentrica rispetto all'intera area urbana; un moderno sistema di comunicazione viaria dovrà garantire a tutti gli utenti, provenienti sia dall'area urbana che da ogni direzione della vasta provincia cosentina, un accesso facile e veloce alla struttura ospedaliera.
In tal senso la scelta di Vaglio Lise appare come la più idonea a garantire tutto ciò, senza considerare che la disponibilità di un'area vasta e senza condizionamenti orografici consentirebbe di realizzare un impianto architettonico facilmente fruibile dall'utenza, con ampie aree di parcheggio e servizi annessi di qualità; senza considerare che la vicinanza con l'Unical potrà favorire, anche a Cosenza, la nascita del tanto atteso policlinico universitario.
Inoltre, la scelta di Vaglio Lise, darebbe un senso vero a quell'idea di città unica che, da troppo tempo è oggetto di molte teorizzazioni e di pochissimi fatti concreti.
In fine, ma non per questo di minore importanza, il fatto che la realizzazione del nuovo ospedale in altra sede consentirebbe alla città di riappropriarsi dell'ampio sito
dell'Annunziata, che potrebbe rappresentare una grande occasione per il rilancio urbanistico del centro città e sulla cui destinazione, a partire dalle proposte già avanzate, sarà necessario aprire un dibattito democratico con tutti i cosentini.