Cosenza
 

“Una Legge regionale per non vivere un’altra estate di fuoco”

C'è una proposta di legge sugli incendi boschivi - già incardinata in IV Commissione "Ambiente" del Consiglio regionale della Calabria, a firma dello stesso Presidente della Commissione On. Domenico Bevacqua - che «va sottoposta al dibattito pubblico per sollecitarne la tempestiva approvazione, al fine di non ritrovarci impreparati la prossima estate che non vogliamo si prospetti ancora una volta 'di fuoco'». A dichiararlo è il Consigliere provinciale con delega all'Ambiente Francesco Gervasi, per il quale «il problema va affrontato nei tempi giusti e con gli strumenti giusti, non essendo più rinviabile l'adozione di una normativa che dopo ben 17 anni dia piena attuazione alla legge-quadro nazionale (L. 323/2000) prevedendo, altresì, disposizioni aggiuntive e obbligatorie».

"Una Legge regionale per non vivere un'altra estate di fuoco" è proprio il tema dell'incontro organizzato per venerdì 13 ottobre dal Circolo PD di Mendicino e dal Movimento Politico "Zona Dem"; l'appuntamento è alle ore 18:00, presso il Teatro comunale della Città delle Serre Cosentine.

L'incontro sarà aperto da Vincenzo Spingola, del Circolo PD di Mendicino; seguiranno i saluti del Segretario del Circolo Margherita Ricci, del Sindaco Antonio Palermo e del Segretario Provinciale del PD Luigi Guglielmelli. Interverranno: Francesco Falcone, Presidente Legambiente Calabria; Giampiero Catalano, Segretario Provinciale Generale FNS CISL (Federazione Nazionale Sicurezza); Francesco Gervasi, Consigliere Provinciale con delega all'Ambiente. A concludere i lavori, l'On. Domenico Bevacqua - Presidente Commissione Ambiente della Regione Calabria; e l'On. Nicola Irto, Presidente del Consiglio Regionale della Calabria.

«La protezione del nostro patrimonio boschivo deve essere condivisa e partecipata - ha aggiunto il Consigliere Gervasi - perché la devastazione dei territori colpisce tutta la comunità, aggravando peraltro il rischio idrogeologico. Una cittadinanza consapevole di questi rischi sarà in prima linea nel controllo e nella protezione del territorio, facendo anche da pungolo al legislatore per l'adozione immediata di regole efficaci contro un crimine che definire 'odioso' è assolutamente riduttivo».