Catanzaro
 

Sospesa la delibera sul taglio delle guardie mediche nel Catanzarese

cotticelli 600La delibera dell'Asp di Catanzaro che prevedeva una riduzione delle postazioni di guardie mediche non sara' esecutiva. Lo ha reso noto il commissario ad acta della sanita' calabrese, Saverio Cotticelli, nel corso una riunione, convocata alla Regione, con la commissione straordinaria dell'Asp di Catanzaro e i sindaci del Catanzarese: al centro della riunione, alla quale hanno preso parte anche alcuni parlamentari dell'area, l'ipotesi, contenuta nella delibera numero 64 dell'Asp, della soppressione di 35 postazioni di guardia medica sulle complessive 60 al momento esistenti nel territorio di competenza dell'Asp di Catanzaro, ipotesi che ha sollevato molte polemiche e una quasi unanime opposizione dei rappresentati istituzionali del Catanzarese.

"Il problema - ha detto Cotticelli parlando con i giornalisti a margine della riunione - lo abbiamo subito depotenziato: l'Asp, nell'ambito dei poteri riconosciuti dalla legge, aveva fatto un'ipotesi di ristrutturazione della dislocazione delle guardie mediche, in rapporto ai numeri e alle disponibilita' economiche, ma era solo un'ipotesi di lavoro, che pero' ha allarmato i territori. Io quindi ho subito indetto questa riunione per tranquillizzare i sindaci e la popolazione che nessuna decisione era stata adottata, che affronteremo insieme la problematica e vedremo come dislocare, in maniera equa, economica e razionale, i presidi delle guardie mediche in modo da rendere questo servizio aderente alle necessita' della popolazione. Quindi - ha poi sostenuto il commissario - dobbiamo fare uno studio nuovo, vedere laddove ci sono nuclei abitativi, dove ci sono le emergenze, dove c'e' una richiesto sanitaria. Purtroppo, abbiamo un territorio vasto, caratterizzato da piccole comunita' sparse, zone montane etc, e le guardie mediche devono fronteggiare tutte queste situazioni. Quindi, non e' una cosa semplice, ma e' una cosa che - ha concluso Cotticelli - insieme ai sindaci dovremo studiare e risolvere". Alla riunione hanno partecipato anche il direttore generale del Dipartimento regionale Tutela della Salute, Antonio Belcastro, e il commissario prefettizio dell'Asp di Catanzaro, Salvatore Gulli'. Dopo aver annunciato che la proposta di riduzione delle guardie mediche contenuta nella delibera 64 non e' stata accolta, Cotticelli ha dato mandato alla stessa commissione dell'Asp di Catanzaro di procedere, nella prossima settimana, a una serie di incontri con i sindaci per elaborare una nuova e condivisa proposta, che successivamente sara' recepita con un decreto dallo stesso Cotticelli. Tra i presenti alla riunione alla Regione, il presidente della Provincia e sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, il sindaco di Lamezia Terme, Paolo Mascaro, i parlamentari Bianca Laura Granato e Paolo Parentela (M5s), Wanda Ferro (Fratelli d'Italia), Antonio Viscomi (Pd), Silvia Vono (Italia Viva). (AGI)