Catanzaro
 

Arsenale a Lamezia, Di Giacomo (SPP): “Piano ‘ndrangheta per fare evadere capi clan?”

"L'operazione della Guardia di Finanza a Lamezia Terme con il rinvenimento di un autentico arsenale di armi e vestiario della polizia penitenziaria introduce il sospetto, sul quale è necessario accelerare le indagini, che 'ndranghetisti stessero preparando l'evasione di capi clan e appartenenti agli stessi gruppi criminali calabresi". A sostenerlo è il segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria Aldo Di Giacomo che esprime "forte preoccupazione avvalorata dalla situazione sempre più difficile in troppe carceri italiane, comprese quelle dove sono rinchiusi i capi clan di mafia, camorra, 'ndrangheta sottoposti a 41 bis. Il continuo rinvenimento di telefonini e l'intercettamento di "pizzini" che escono dagli istituti penitenziari – dice il segretario del S.PP. - confermano i collegamenti costanti con gli uomini sui territori e quindi i piani di evasione non sono certamente una novità. Il riferimento è nello specifico ai casi di ricoveri presso strutture ospedaliere esterne o l'accompagnamento ad aule giudiziarie che diventano le occasioni preferite per organizzare evasioni magari servendosi di divise del personale penitenziario".

Di Giacomo aggiunge: "Non abbiamo certo la 'palla magica' e tanto meno intendiamo sostituirci agli organi inquirenti ma la nostra lettura della realtà del sistema penitenziario del nostro Paese si è rivelata da anni sempre veritiera. Come veritiera è la condizione della gran parte dei detenuti 'deboli' che non possono godere degli apporti dei clan e per i quali ogni azione finalizzata alla reintegrazione sociale perde valore e risultati. La teoria buonista di redimere ad ogni costo persino gli ergastolani sino ad ipotizzare il superamento del carcere ostativo – conclude Di Giacomo – produce questa situazione mentre si infittiscono i segnali, come quello che viene da Lamezia Terme, per i tentativi di imporre da parte dei clan il controllo delle carceri".