Catanzaro
 

Fp Cgil Area Vasta abbandona il tavolo di trattativa con l’Asp di Catanzaro: "Venute meno le condizioni per garantire la trasparenza amministrativa e pari diritti a tutti i lavoratori"

"Garantire la massima trasparenza amministrativa e pari diritti a tutti i lavoratori", questi i principi cardine seguiti dalla delegazione della Fp Cgil Area Vasta - guidata dal componente della segreteria, Salvatore Scicchitano - al tavolo di trattativa convocato dall'Asp di Catanzaro, per discutere della Contrattazione Collettiva Integrativa 2018 e 2019 e del Regolamento per il conferimento dei nuovi incarichi di coordinamento e di organizzazione.

Tavolo di trattativa nel corso del quale, però, sono venute meno le condizioni minime di agibilità democratica e di legittimità, costringendo di fatto il dirigente sindacale Scicchitano e i rappresentanti della Rsu Cgil ad abbandonare, responsabilmente, nell'interesse dei lavoratori, il confronto con la parte pubblica, coordinata, quest'ultima, dal Direttore amministrativo dell'Asp, Elga Rizzo.
"Dispiace essere stati costretti a tale decisione - ha asserito al riguardo Salvatore Scicchitano - ma la Fp Cgil deve sempre garantire pari opportunità e le stesse condizioni di partenza a tutti i lavoratori. Non possiamo più permetterci di mantenere lo status quo ma occorre cambiare rotta per costruire, a vari livelli, una sanità nuova secondo canoni di merito e di qualità".
Intenti, quelli di una sanità pubblica calabrese di qualità e al servizio del cittadino, al centro anche della discussione che il segretario generale della Fp Cgil Area Vasta, Franco Grillo, e la componente della segreteria regionale della Fp Cgil, Franca Sciolino, hanno tenuto con Antonio Belcastro, direttore del Dipartimento Salute della Regione Calabria.

"Incontro nel corso del quale - hanno riferito i sindacalisti Grillo e Sciolino - ci è stato assicurato, tra le altre cose, che tutti i contratti dei lavoratori precari in scadenza nel mese di giugno saranno prorogati e integrati. Questo - ha evidenziato, infine, il segretario Franco Grillo - non potrà che portare benefici nell'erogazione dei servizi ai cittadini, in quanto diverse prestazioni sanitarie sono garantite con competenza, ormai da anni, dai lavoratori precari".