Catanzaro
 

Caraffa (Cz), “e la ami la cambi”:”Arrivano 'cartelle pazze', l'Amministrazione si svegli e controlli”

Il movimento politico "Se la ami la cambi" prende posizione per quanto concerne gli avvisi di accertamento per omesso/parziale versamento della TARES. "Tale situazione - dichiara il movimento politico - sta nascendo in questi ultimi giorni nel nostro paese." "Da quanto sta emergendo, - continua Se la ami la cambi - da riscontri con molti cittadini del nostro comune interessati alla ricezione, ci troviamo di fronte ad accertamenti di tributi già pagati. "Ci troviamo, infatti, - continua il movimento- di fronte a molti atti da annullare tanto che tale avvenimento sembrerebbe configurarsi in una tipologia similare a quella nota a livello nazionale delle cosiddette "cartelle pazze". "Come movimento politico e come rappresentanti del popolo - afferma "Se la ami la cambi" - non possiamo che chiedere delucidazioni immediate al Sindaco Sciumbata, all'assessore al bilancio ed all'amministrazione comunale tutta. Delucidazioni che dovrebbero essere fatte con una certa celerità e con delle "Scuse" conseguenziali." "Il nostro pensiero ovviamente va ai tanti cittadini che si sono trovati, si trovano o si troveranno in questa situazione particolare, infatti si trovano con il dubbio di non aver pagato quanto dovuto; con la problematica di dover dimostrare di aver pagato ed il rischio di non trovare la ricevuta dopo anni; di dover organizzarsi per andare al comune nei giorni e nelle ore previste per dimostrare eventuale pagamento." Il pensiero va in particolar modo alle tante persone anziane e soprattutto a quelle sole che potrebbero aver difficoltà nel trovare le ricevute di pagamento." "All'amministrazione chiediamo - conclude "Se la ami la cambi" - maggior attenzione nei confronti dei cittadini ed in particolar nell'azione amministrativa, nel controllo del territorio e nell'operato amministrativo. Tale richiesta é motivata dal fatto che si nota un'assenza di tali azioni da parte dell'amministrazione comunale guidata dal sindaco Sciumbata."