Catanzaro
 

Catanzaro, festeggiato cinquantesimo anniversario di iscrizione all’Albo professionale di alcuni agronomi

"Rifiutate di accedere a una carriera solo perché vi assicura una pensione. La migliore pensione è il possesso di un cervello in piena attività che vi permetta di continuare a pensare 'usque ad finem', ..... 'fino alla fine'." E' con questo suggestivo pensiero dell'indimenticabile Rita Levi-Montalcini, che il Presidente dell'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della provincia di Catanzaro Dott. Antonio Celi, ha voluto inaugurare la cerimonia tenuta nella giornata di ieri, Martedì 16 ottobre, per celebrare la ricorrenza del cinquantesimo anniversario di iscrizione all'Albo professionale dei Dottori Agronomi Pietro Andricciola, Giovanni Leone e Salvatore Reitano Pandullo.

Nel corso della manifestazione, sono state consegnate ai festeggiati le Medaglie d'Oro per il prestigioso obbiettivo raggiunto, che li colloca in seno all'Albo d'oro dell'Ordine. Hanno preso parte ai festeggiamneti, il Consiglio Direttivo e gli iscritti all'Ordine di Catanzaro, la Federazione Regionale degli Ordini dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali, nella persona del Dott. Francesco Cufari, i Presidenti degli Ordini Territoriali Dott.ssa Francesca Giuffrè, Dott. Antonino Greco, nonché la Consigliera Calabrese presso in CONAF Dott.ssa Lina Pecora. Hanno voluto onorare i festeggiati con la loro presenza anche Mons. Giuseppe Silvestre Vicario dell'Arcivescovo Bertolone, l'Assessore agli Affari Generali e Personale Dott. Danilo Russo in rappresentanza del Comune di Catanzaro, il Direttore Generale del Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria Dottor Giacomo Giovinazzo. Hanno voluto apportare anche il loro contributo i Presidenti degli Ordini Professionali della provincia di Catanzaro. Nella presentazione dei festeggiati il Presidente Celi ha voluto sottolineare che lo straordinario traguardo raggiunto dai colleghi e, soprattutto, il lavoro svolto nell'arco di questi cinquant'anni sono riconosciuti come prezioso patrimonio non solo dall'Ordine professionale cui appartengono, ma anche dalla collettività intera.