Catanzaro
 

Catanzaro, rapporti Comune – Regione: Abramo incontra i consiglieri regionali della città

Un focus sulla Città Capoluogo con il presidente Oliverio per fare il punto sulle principali questioni che riguardano i rapporti tra la Regione e il Comune: nuovo ospedale, sistema del trasporto metropolitano, sistema idrico, edilizia sociale, investimenti artigianali nel centro storico.
E' questa la proposta scaturita al termine dell'incontro promosso dal sindaco Sergio Abramo con i quattro consiglieri regionali espressione della città: Vincenzo Ciconte del PD, Sinibaldo Esposito di AP, Wanda Ferro e Mimmo Tallini di Forza Italia. La richiesta sarà formalizzata nei prossimi giorni.
Una vera e propria "agenda", contenente i principali punti critici, sarà sottoposta al Governatore nella consapevolezza – è stato sottolineato – che la crescita del Capoluogo è fondamentale per la crescita dell'intera Calabria.

Il sindaco Abramo ha fatto appello all'unità delle forze politiche catanzaresi nel supremo interesse della città. Il primo cittadino ha lamentato una scarsa attenzione del Governo regionale verso il Capoluogo, sottolineata da ritardi che stentano ad essere superati. Ha fatto riferimento, in particolare, allo studio di fattibilità per il nuovo ospedale che doveva essere pronto da tempo e di cui si parla da quasi dieci mesi, chiedendo anche chiarezza sulla sussistenza dei fondi destinati a questa importante opera.
Altra questione sollevata da Abramo è quella dei finanziamenti a suo tempo destinati dalla regione alla Sorical per vitali interventi al sistema idrico, per quasi 16 milioni di euro, che risulterebbero essere stati revocati.
Il sindaco si è soffermato molto sull'ambizioso programma di mobilità e sosta correlata alla metropolitana di superfice, recentemente presentato alla Regione per il finanziamento. Si tratta di interventi per oltre 30 milioni di euro che servono per rendere sostenibile dal punto economico-finanziario la metropolitana, attraverso un'integrazione reale con trasporto su gomma, funicolare, scale mobili, ascensori. Il piano prevede anche un avveniristico ascensore sotterraneo che collegherebbe il parcheggio del Musofalo, opportunamente raddoppiato, con piazza Prefettura.
Si attende ora di conoscere le determinazioni della Regioni che, nei mesi scorsi, ha varato un analogo provvedimento a favore di altra città calabrese ("la nostra non è una richiesta campanilistica, ma semplicemente l'esigenza di avere pari dignità nell'azione di governo della Regione").
I ritardi nei bandi per l'edilizia sociale ("siamo pronti da tempo, grazie al protocollo sottoscritto con Ance e Lega delle Cooperative, per riqualificare unità immobiliari nel centro storico") e per il finanziamento dei POIC, i Piani comunali per nuove attività commerciali e artigianali, completano il cahier de doleances del sindaco.
Dai consiglieri regionali Ciconte, Esposito, Ferro e Tallini è venuta, sia pure con diverse sfumature, una piena disponibilità ad aprire con la Regione un confronto serrato sulle questioni del Capoluogo. Da tutti è venuto un richiamo all'unità nell'interesse della città, poiché le contrapposizioni sterili non risolvono i problemi.