Catanzaro
 

Catanzaro, lotta al conferimento illecito di rifiuti: Mungo snocciola i primi dati

La guerra contro il conferimento illecito dei rifiuti era tra i principali obbiettivi che l'assessore all'igiene e ambiente, Giampaolo Mungo, si era proposto al momento in cui il sindaco Sergio Abramo gli ha conferito la delega. E su questo fronte in questi due mesi ha profuso grande impegno personale per "scardinare" quanti ancora, con scarso senso civico, in sfregio al decoro e al rispetto dell'ambiente continuano a disseminare immondizia e sacchetti sul territorio comunale. Mungo ha voluto rendere noti alcuni dati di questa lotta condotta a trecento sessanta gradi che vede impegnato il settore comunale, ma soprattutto i vigili urbani della sezione ambientale, coordinata dal tenente colonnello Salvatore Tarantino che stanno fornendo un grosso contributo nello stanare chi conferisce in modo illecito i rifiuti. Un lavoro condotto anche, grazie all'ausilio delle "foto trappole", attraverso le quali sono stati elevati 20 verbali in diverse zone della città. Altre sedici sanzioni sono state comminate dagli uomini della Polizia locale nel corso dell'ordinaria attività di controllo del territorio, a singoli cittadini, ai titolari di attività commerciali, di fast food, ma anche a enti pubblici. Nell'evidenziare che Palazzo de Nobili prosegue con impegno nell'opera di prevenzione e repressione del fenomeno del conferimento scorretto dei rifiuti, l'assessore Mungo ha anche esternato il proprio disappunto per gli episodi di degrado e abbandono indiscriminato di spazzatura nei parchi, negli spazi verdi e lungo le strade .

"Devo constatare con amarezza – ha commentato – che nonostante i nostri sforzi non sembra si sia allentata la condotta dei soliti incivili che non hanno a cuore la cura ed il rispetto dell'ambiente come bene comune. Nel condannare per l'ennesima volta il comportamento di questi incivili. A loro voglio dire che l'amministrazione comunale, con in testa il sindaco Abramo, non intende abbassare la guardia ne tanto meno interrompere l'opera di sensibilizzazione anche si costretta troppo spesso ad interventi di pulizia straordinari che finiscono per pesare sulle tasche dei contribuenti che si comportano correttamente sia nel rispetto dell'ambiente che nel pagamento dei tributi locali".