Catanzaro
 

Comunali a Catanzaro, Granato (M5S): "Creeremo organo consultivo cittadini"

«Proporremo di creare un organo consultivo costituito da esponenti dei comitati di quartiere della città, che possa rappresentare direttamente all'amministrazione comunale le istanze delle singole realtà e trasmettere al consiglio comunale ufficiale le proprie proposte, bypassando la figura del consigliere -capobastone che oggi gestisce clientelarmente i vari microcosmi cittadini». Lo afferma la candidata a Sindaco del M5s di Catanzaro Bianca Laura Granato, che aggiunge: «La partecipazione attiva dei cittadini è uno dei temi cardine del Movimento 5 Stelle e noi vogliamo lavorare sui singoli territori per farlo divenire realtà. L'origine dei mali della città è rappresentato dal disinteresse degli stessi catanzaresi dovuto allo scollamento tra politica e cittadinanza. Visto che la democrazia diretta è ormai una sfida ineludibile per crescere in modo condiviso e responsabile, decidiamo di affrontare i nostri avversari su questo tema: far entrare i cittadini nel cuore dell'Aula rossa. Incoraggiare la cittadinanza ad interessarsi della cosa pubblica lungo tutta la consiliatura, non soltanto a ridosso delle elezioni; consentire a delegazioni di quartiere di presentare le loro istanze nell'Aula Rossa in sedute periodiche dedicate».
La Cinque Stelle continua: «L'idea è al vaglio della nostra commissione interna sul programma per gli approfondimenti tecnici, ma ci è venuta in mente incontrando le realtà attive del nostro territorio. Sono diversi i cittadini che vogliono sganciarsi dalla vecchia politica, che sentono il bisogno di troncare una volta per sempre i legami clientelari col consigliere di turno che garantisce diritti in veste di favori. Sono tanti i cittadini che hanno voglia di impegnarsi fattivamente in comitati di quartiere per migliorare la loro qualità della vita e il loro ambiente. Lavoreremo al nostro interno nei prossimi giorni per inserire ufficialmente la proposta nel nostro programma partecipato, che è pubblico già da fine aprile».


«Secondo noi – conclude la Granato – i cittadini sono la prima risorsa della città. Rimanendo chiusi nei palazzi, si crea un distacco enorme con la vita di tutti i giorni. I politici sono giustamente visti come privilegiati che non hanno interesse e cognizione delle difficoltà in cui vive il cittadino comune. Vogliamo abbattere definitivamente l'istituto della "delega in bianco" e rovesciare l'idea di amministrazione da oligarchica a diffusa, perché oggi le scelte sbagliate dell'Aula Rossa ricadono su tutti i cittadini e la morte civile ed economica della nostra realtà ne è la tragica conseguenza».