Catanzaro
 

Comunali, Nicola Fiorita a Roma per incontrare i catanzaresi fuori sede

"Ha abbandonato per un giorno l'agone politico nostrano, Nicola Fiorita, facendo tappa a Roma per incontrare i tanti catanzaresi fuori sede che vivono nella Capitale". É quanto riferisce un comunicato dell'ufficio stampa del candidato a sindaco del capoluogo. "In mattinata - prosegue la nota - Fiorita ha incontrato molti studenti universitari catanzaresi che frequentano le facoltà romane presso la sede staccata della facoltà di Filosofia di Via di Villa Mirafiori e in circa due ore di colloquio ha esposto loro il programma e gli obiettivi della sua candidatura. In particolare Fiorita si è soffermato sull'importanza dell'impegno politico nelle ormai prossime consultazioni amministrative comunali anche per i più giovani. Per coloro, cioè, che disillusi dalle vicende dell'ultimo periodo, si sono di fatto disimpegnati dalla politica attiva demandando alle altre generazioni il compito di decidere del loro futuro. Fiorita ha esortato pertanto gli studenti a rendersi parte attiva per la rinascita della loro città di provenienza, ricordando, peraltro, i tanti punti del programma predisposti a favore delle politiche giovanili.

Dalla costruzione di reti di collaborazione tra il mondo della scuola e dell'università a quello del lavoro, alla strutturazione di un'offerta formativa di qualità che consenta scambi ad alto contenuto culturale con altre realtà cittadine europee fino all'incentivazione di start-up ad elevato contenuto tecnologico. Fiorita ha esposto le idee proprie e del movimento che lo supporta ricevendo in cambio anche alcune interessanti proposte che saranno elaborate nel corso della prossime giornate". "Nel pomeriggio, quindi, Fiorita - é detto ancora nel comunicato - ha incontrato un nutrito gruppo di professionisti residenti ormai da tempo a Roma ed in altre città del centro-nord Italia ma ancora legati da sentimenti di profondo affetto per Catanzaro. Con costoro, Fiorita ha affrontato i problemi legati al mondo del lavoro e delle opportunità da cogliere per il rilancio morale, economico, sociale e turistico della città. Fiorita, in particolare, si è intrattenuto a lungo sulle possibili sinergie da attivare con coloro che ormai da anni vivono fuori sede auspicando che si possa fermare l'emorragia delle risorse e delle tante intelligenze nel passato costrette ad emigrare per dimostrare le loro qualità ed invece costituire a Catanzaro una sorta di incubatore delle idee e delle opportunità per le nuove generazioni".