Catanzaro
 

Catanzaro, Fdi: “Auguri a Belcastro e Panella: da oggi la sanità può pensare in grande”

"La continuità è da sempre un valore e la nomina di Antonio Belcastro e Giuseppe Panella direttori generali rispettivamente del policlinico universitario MaterDomini e dell'azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio, unita al valore umano e professionale dei singoli attori - lo affermano in una nota Giancarlo Pittelli e Alfredo Serrao di Fratelli d'Italia-AN - è per noi elemento di certezza assoluta.

Esprimiamo in modo convinto i nostri auguri di buon lavoro, ma soprattutto il nostro sostegno per le scelte che bisogna compiere in tema sanitario e, specificatamente per quanto attiene alla città di Catanzaro, dove le due distinte realtà dovranno diventare in un prossimo futuro elemento attivo e riconoscibile nella ricerca e nella cura per la realizzazione della "città della sanità".

Siamo certi che questo lavoro, questa scommessa passa attraverso un dialogo convinto e leale e il dottore Belcastro ed il dottore Panella, hanno da tempo iniziato il percorso, che in un quadro di continuità oggi deve marcare le tappe e portare alla realizzazione dell'AO unica, dove la città di Catanzaro veda la realizzazione di un grande hub ospedaliero dotato di due dipartimenti di emergenza urgenza con la realizzazione del nuovo presidio ospedaliero nell'area di Viale Pio X.

Pensare al futuro richiede certamente imparzialità, caratteristica comune ai due nuovi direttori generali, per come richiede passione e coraggio, cosa che certamente non manca nemmeno, dove il processo di integrazione veda la città di Catanzaro protagonista, unitamente alle tante professionalità presenti ed operanti all'interno delle due AO. Un protagonismo di qualità i cui benefici e le cui ricadute positive saranno elemento di recupero per l'intero comparto sanitario regionale.

Quella sanità che deve sapersi umanizzare ai bisogni dei cittadini, ma che deve sapersi integrare in un criterio di efficienza, dove – concludono Pittelli e Serrao – pensare ad un allargamento funzionale con caratteristiche riconosciute ed attenzione al territorio, dove ipotizzare una Azienda Ospedaliera capace di integrare le città consorelle di Catanzaro e Lamezia Terme, a noi non appare un'utopia".