Calcio
 

La Reggina sa vincere in tutti i modi: 1-2 da record a Lentini, +10 sulle seconde

reginaldo 1di Paolo Ficara - Nel migliore dei modi. La Reggina scrive un'altra pagina di storia, la propria e quella della Serie C, vincendo al fotofinish sul campo della nuova ultima della classe. Oltre mille tifosi hanno sostenuto gli amaranto fino all'ultimo sul campo della Sicula Leonzio, assistendo ad un 1-2 in rimonta firmato da Denis e Reginaldo. Si trattava dell'ultimo turno del girone d'andata: la Reggina era già campione d'inverno da due settimane, e chiude a 49 punti. Dieci le lunghezze su Bari e Potenza.

LE SCELTE – Come preannunciato alla vigilia, Toscano manda in campo Blondett al posto dello squalificato Loiacono, mentre a sinistra concede una chance a Rubin che non si vedeva da parecchio. Denis ritrova una maglia da titolare a scapito di Reginaldo, confermato Bellomo. Cambia modulo Bucaro: un 3-5-2 nel quale si registra un grosso sforzo atletico di centrocampisti ed attaccanti in fase difensiva.

POCHI SPAZI – Primo tempo avaro di particolari occasioni, merito di una Leonzio che chiude i varchi e rimane spesso dietro la linea della palla. Quelle poche volte in cui i bianconeri vanno in pressing alto, non si riescono a servire le punte con i giri giusti. Petta eccelle nel doppio ruolo di difensore e portiere, parando un destro di Bellomo sulla riga dell'area: il direttore di gara non vede. Bianchi ci prova dalla distanza, destro alto. Un attimo prima dell'intervallo, Denis incorna fuori un bel cross di Rubin.

BOTTA E RISPOSTA – Toscano attinge come sempre dalla panchina: dentro la qualità di Rivas, Rolando e Sounas ma il modulo non cambia. Proprio Rolando cerca di stoppare la spinta di Bariti, ma in maniera irregolare e soprattutto dentro l'area. Dal dischetto, Scardina spiazza Guarna al 64'. L'immeritato vantaggio dei padroni di casa dura due minuti. Sounas conquista una punizione, Rivas la scodella verso il secondo palo dove Denis prende il tempo a tutti. Al 66' è subito 1-1.

ASSEDIO – Da quel momento si gioca ad una sola metà campo. Dentro anche Reginaldo e Paolucci, con Garufo che scala in difesa. Le occasioni più clamorose sono sui piedi di Rossi, che di sinistro manda alto con Nordi fuori causa, e Rivas che dopo aver seduto un avversario si vede respingere il destro secco dal ginocchio di Tafa. Leonzio che rimane in 10 per una gomitata di Sosa su Sounas. Nel finale è Denis a pennellare il cross per la testa di Reginaldo, che al 95' buca Nordi e fa scoppiare la gradinata interamente occupata da oltre mille tifosi amaranto.

RECORD EGUAGLIATO – Con questa sono undici le vittorie consecutive della Reggina, che eguaglia così il record della Serie C realizzato dal Cittadella nel 2015-16. Il risultato incide sulla classifica della Sicula Leonzio, che precipita all'ultimo posto. Dunque è stato il testacoda a rivelarsi proprio l'incontro più insidioso per gli amaranto, che la vincono col cuore. La giusta cornice per un girone d'andata dipinto da Giotto.

SICULA LEONZIO – REGGINA 1-2

Reti: 64' Scardina, 66' Denis, 95' Reginaldo

SICULA LEONZIO (3-5-2): Nordi; Tafa, Petta, Sosa; Bariti, Palermo (79' Sicurella), Megelaitis (79' Esposito), Maimone, Sabatino; Bollino (62' Vitale), Scardina (88' Lescano). A disposizione: Polverino, De Rossi, Ferrini, Cozza, Terranova, Grillo, Governali. Allenatore: Bucaro.

REGGINA (3-5-2): Guarna; Blondett, Bertoncini (72' Reginaldo), Rossi; Garufo, Bianchi (57' Sounas), De Rose, Bellomo (57' Rivas), Rubin (57' Rolando); Denis, Corazza (81' Paolucci). A disposizione: Farroni, Salandria, Mastour, Gasparetto. Allenatore: Toscano.

Arbitro: Andrea Colombo di Como

Ammoniti: Petta, Garufo, Sosa, Rolando, Nordi

Espulso: 91' Sosa per doppia ammonizione