Calcio
 

La Reggina Calcio non tornerà, parola di Praticò jr: "Lo dicono le norme"

logo1914Sul pulpito per una predica a braccio, senza la Bibbia sottomano. Giuseppe Praticò, consigliere d'amministrazione della Urbs Reggina, ha preso posizione ai microfoni di Video Touring circa l'ipotesi di una resurrezione della Reggina Calcio: "Non c'è alcuna possibilità. È una norma, è stata revocata la matricola. Purtroppo ci sono degli addetti ai lavori, colleghi tuoi – rivolto al conduttore Michele Favano – che fomentano questa storia. È scritto nelle norme. Non è possibile, in alcun modo".

Se da un lato non è chiaro a quale norma si riferisca Praticò jr, dato che la Urbs Reggina è stata contemporaneamente affiliata per un anno e mezzo in presenza della vecchia matricola della Reggina Calcio, dall'altro lato si percepisce che per il marchio si può rimediare solo se non ci saranno costi: "Quando siamo ripartiti, abbiamo creato un marchio che voleva ricreare tutta la storia della Reggina. Il pallone vintage della Reggina, il San Giorgio dorato. La R era una porzione di quel marchio – insiste Giuseppe Praticò, confondendo il marchio con il logo – A Cesena il sindaco ha dato il marchio alla società, questo è un esempio calzante. Il marchio non appartiene alle aziende private, bensì alla città".

Sarebbe bello sentire da Agnelli, Cairo, Lotito e Pallotta se c'è questa disponibilità ad affidare i marchi ai sindaci di Torino e Roma...