Calcio
 

Reggina Calcio: promulgato il bando per il Sant'Agata, la Urbs parteciperà

santagatasedeIl Sant'Agata, ma non solo. Città Metropolitana, Comune di Reggio e curatela fallimentare della Reggina Calcio, hanno promulgato il bando per vendere ciò che rimane della gloriosa società fallita nel giugno 2016, oltre alla concessione per il centro sportivo. Quella originaria scadeva nel 2020: il sindaco metropolita Giuseppe Falcomatà ha deciso di prolungarla fino al 2026 a chi si aggiudicherà il bando, con opzione per ulteriore proroga fino al 2032.

Il prezzo, però, è abbastanza esoso. Poco più di 360 mila euro la base d'asta, mentre il solo canone annuale d'affitto, a partire dal 2021, sarà pari a 105 mila euro da versare alla Città Metropolitana. Tra l'altro, l'aggiudicatario dovrà versare subito l'intera somma, oppure anticiparne il 30% per poi versare l'altro 70% alla stipula del contratto, da sottoscrivere entro i successivi tre mesi.

Il vincitore sarà stabilito da una Commissione Giudicatrice, con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo. Il punteggio massimo di 70 punti assegnati per l'aspetto tecnico è superiore ai 30 punti massimi per i criteri economici. In buona sostanza, significa che chi è in possesso di una società sportiva professionistica, è avvantaggiato.

La Urbs Reggina 1914, in via informale, ha già fatto sapere di voler partecipare al bando. Per presentare un'offerta ci sarà tempo fino al 6 giugno.