Calcio
 

Reggina Calcio: Falcomatà si muove per totale dissequestro del Sant'Agata, in attesa del bando

santagata500di Paolo Ficara - Sblocco definitivo. Il sequestro che colpì il centro sportivo Sant'Agata nel febbraio del 2016 rappresenta ormai un lontano ricordo, il cui unico effetto è stato quello di spingere la Reggina Calcio verso il fallimento. Dopo il dissequestro che ha consentito alla curatela fallimentare di stipulare l'accordo con la Urbs Reggina 1914, nell'ottobre 2016, sono rimaste solo poche porzioni con i sigilli.

Al fine di rendere più appetibile il prossimo bando per la vendita dei beni materiali ed immateriali del glorioso club che portò Reggio in Serie A, il sindaco Giuseppe Falcomatà (a capo della Città Metropolitana) avrebbe inoltrato alla Procura della Repubblica la richiesta di totale dissequestro. Dunque, l'intento è di restituire alla fruibilità anche la sala stampa costruita ai tempi dell'invasione di giornalisti nipponici al seguito di Shunsuke Nakamura, nonché il campo n.6.

In attesa della risposta da parte della Procura, si evince il tentativo di accelerare l'iter per il sopra citato bando, che verrà promulgato di comune accordo con il Tribunale di Reggio Calabria. Non è più una semplice indiscrezione che la base d'asta per Sant'Agata, nome, marchio e matricola sarà di 500.000 euro.

Leggi anche:

Convenzione per concessione Centro Sportivo Sant'Agata e vendita dei beni immateriali della Reggina Calcio SpA http://ildispaccio.it/calcio/84-quadrante-amaranto/148876-convenzione-per-concessione-centro-sportivo-sant-agata-e-vendita-dei-beni-immateriali-della-reggina-calcio-spa

Reggina, parla la curatela fallimentare: "Bando dopo il totale dissequestro del Sant'Agata" http://ildispaccio.it/calcio/84-quadrante-amaranto/150815-reggina-parla-la-curatela-fallimentare-bando-dopo-il-totale-dissequestro-del-sant-agata