Calcio
 

Reggina, è il sabato delle prime volte: acuto di Marino, successo esterno a Fondi

marino600di Paolo Ficara – Il corsaro siciliano. Roberto Marino è l'uomo che non ti aspetti: entrato dalla panchina, firma col sinistro (lui, destro naturale) il primo successo esterno della Reggina in campionato. È il 60' quando la squadra di Agenore Maurizi la sblocca in casa di un Fondi che più volte aveva sfiorato il vantaggio, trovando poi la giusta coesione per portarsi a casa lo 0-1 e volare a quota 8 punti in classifica. Desideravamo qualcosa in più sul piano della concretezza dagli amaranto, siamo stati accontentati al "Purificato".

DUE PUNTE DI RUOLO – I rispettivi allenatori rinunciano agli elementi più giovani, rispetto alla precedente partita. Maurizi leva i due '98 Marino e Bezziccheri, per dare spazio ai due '95 Garufi e Sparacello schierando così un attaccante vero al fianco di Sciamanna. Mattei, promosso al posto di Giannini, lascia in panchina il '97 Vasco (che in estate era stato ad un passo dagli amaranto) per schierare l'esperto Vastola, abbassato a libero per un 5-3-2.

ARBITRAGGIO A SENSO UNICO – Il match inizia con un evidente disturbo di Paparusso, sostituto a sinistra dello squalificato Pompei, ai danni di Gatti in area. Il direttore di gara lascia correre, poi ritiene solo da giallo una scarpata in faccia di Ricciardi a Laezza in zona non pericolosa. Che la Reggina non goda di buon occhio da parte degli arbitri è confermato anche da successivi episodi dubbi, come nel caso della punizione fischiata dal limite al Fondi al 44'.

TIMIDEZZA – Le assenze di Bianchimano e Tulissi iniziano a pesare parecchio. Elezaj è chiamato in causa dal solo De Francesco, prima su punizione da distanza ragguardevole e poi con un sinistro centrale dal vertice dell'area. Più nitide le occasioni del Fondi, che prende coraggio col passare dei minuti. Un filtrante deviato da Mezavilla finisce sul destro di De Sousa, ostacolato dal compagno Nolè al momento della battuta al volo. Poi Ricciardi è protagonista di un buon inserimento, ma effettua un controllo di troppo e Laezza gli mura il sinistro.

LA SVOLTA – I padroni di casa mandano alle corde gli uomini di Maurizi ad inizio ripresa. Cucchietti resiste sotto i colpi di Lazzari, Ricciardi e Galasso, con quest'ultimo colpevole di non aver servito De Sousa rimasto libero al centro. Marino entra al posto di Garufi e cambia il volto alla partita: al 60' una discesa di Solerio prova ad innescare Sparacello, ma il centravanti lascia giustamente la battuta all'accorrente siciliano, che di sinistro disegna una traiettoria imprendibile per Elezaj. 0-1, primo gol in carriera da professionista per il ragazzo arrivato dalla Sicula Leonzio, che tra qualche ora compirà 19 anni.

BUONA LA... TERZA – Il Fondi è stordito dall'acuto di Marino, non possiede la forza né mentale né atletica per riprendersi e risollevarsi dall'ultimo posto della classifica. Fortunato subentra a Porcino e stampa una punizione sul palo: Di Filippo infila in rete la ribattuta, gli viene fischiato un fuorigioco ma il replay non chiarisce. Mattei le prova tutte per raggiungere almeno il pareggio, passando ad un 4-2-4 nel finale. Maurizi si era già sistemato col 5-3-1-1, rinunciando a Sciamanna e schierando Pasqualoni a destra con Laezza in mezzo ai centrali. L'occasione più nitida è per Sparacello, imbeccato da Marino ma fermato da Elezaj. Cambia poco. La Reggina centra la prima vittoria esterna in campionato, la seconda complessiva. La prima delle due trasferte consente di non prolungare il tabù. Gara sofferta, vinta alla distanza nonostante le assenze di rilievo. E ora, continuare a parlare di salvezza all'ultima giornata risulterebbe un'eccessiva prudenza.

RACING FONDI – REGGINA 0-1
Rete: 60' Marino

RACING FONDI (5-3-2): Elezaj; Galasso (83' Vasco), Tommasello, Vastola, Ghinassi (83' Ciotola), Paparusso; De Martino (82' Corticchia), Ricciardi, Lazzari (78' Serra); De Sousa, Nolè (75' Mastropietro). A disposizione: Cojocaru, Maldini, Quaini, Addessi, Pezone, De Leidi, Ghosheh. Allenatore: Mattei.
REGGINA (4-3-1-2): Cucchietti; Laezza, Di Filippo, Gatti, Solerio; Garufi (57' Marino), Mezavilla, Porcino (66' Fortunato); De Francesco; Sciamanna (77' Pasqualoni), Sparacello. A disposizione: Licastro, Turrin, Maesano, Auriletto, Tazza, Bezziccheri, Silenzi. Allenatore: Maurizi.

Arbitro: De Remigis di Teramo
Ammoniti: Ricciardi, Porcino, Laezza, Nolè, De Martino, Corticchia