Calcio
 

Colucci al Dispaccio: "Se lascio la Serie A, Reggina unica scelta"

coluccidi Paolo Ficara - Manovre a centrocampo. La Reggina continua a dare la caccia ad Alessandro Bruno della Nocerina, nonché ad Andrea Paolucci, ex compagno di Davide Dionigi a Taranto ed oggi al Cittadella. Il tassello di esperienza e qualità però potrebbe giungere dalla massima serie: si starebbero intensificando i contatti col Pescara, gli argomenti sarebbero Giuseppe Rizzo e Giuseppe Colucci. L'ex centrocampista amaranto, protagonista nella prima stagione di Walter Mazzarri in riva allo Stretto, ha confermato l'esistenza di un dialogo col presidente Foti, in questa intervista concessa al Dispaccio.

Tempo di ritorni a Reggio Calabria...
So di questo interessamento della Reggina. Per me, la parola Reggina è una parola importante. Mi ricorda tante cose belle. Col presidente Foti sono legato da un rapporto quasi da padre e figlio. È anche vero che in questo momento sono a Pescara, in Serie A. Ho 32 anni, sto bene e me la voglio giocare. Non vedo perché dovrei andar via da Pescara, ma Reggio Calabria è la mia prima ed unica scelta per quanto sono legato ai tifosi ed alla città.

Quando e come nascono le prime voci?
Le voci ci sono sempre state ultimamente, ma non le abbiamo fatte trapelare. Adesso il giro si è allargato, e la voce è venuta fuori. Siamo tutti in stand-by, c'è da pensarci prima di lasciare la Serie A a 32 anni.

Se fosse il Pescara a dirti che puntano su altri giocatori?
Ho sempre giocato titolare in tutte le squadre. Nessuno mi ha mai regalato il posto. I punti fondamentali sono due: se lascio la Serie A vengo solo a Reggio Calabria, per il legame che ho col presidente e per la parola che gli ho dato; dall'altra parte, in questo momento non mi sfiora neanche l'idea di andare via da Pescara.

Fin quando si estende il tuo rapporto contrattuale col Pescara?
Il mio contratto scadrà nel 2014. A Pescara sto benissimo, è un ambiente sano e mi vogliono bene. Anche sotto questo punto di vista, non vedo motivi per andare via.

La Serie A sta giocando, la Serie B no. Passerà qualche altro giorno, prima di capire?
Da parte mia, c'è da parlare col Pescara e con la Reggina. Siamo lontani dal trovare accordi. Bisogna aspettare. La mia unica scelta è Reggio Calabria, però la Serie A mi ha dato tanto per 12 anni. Fino all'anno scorso ero capitano (a Cesena, ndr), prima di andar via ci penso due volte.