Calcio
 

Calcio, Zito (Cittanovese): "Mettere in campo cuore, polmoni e gambe"

"In partite del genere devi mettere in campo il cuore, i polmoni e le gambe. Per la posta in palio e per la portata storica dell'evento. Da questo punto di vista, ritengo la mia squadra pronta per la sfida di domani al "Lopresti". Così l'allenatore Domenico Zito alla vigilia del match salvezza tra i giallorossi e la Palmese. Nella consueta conferenza del sabato mattina, il tecnico giallorosso, accompagnato dall'esterno di centrocampo Aurelio Barilaro, ha ribadito la necessità, per i suoi calciatori, di migliorare in termini realizzativi.

ZITO

"L'obiettivo per domani è quello di essere più incisivi sotto porta – ha esordito Zito – riuscendo, quindi, a concretizzare la mole di gioco che andremo a produrre. Per il resto, ritengo che la squadra abbia lavorato bene e arrivi in buone condizioni a questo incontro. Di fronte avremo una compagine giovane, ma forte e ben organizzata, che per caratteristiche ci assomiglia molto. Penso, ad esempio, alla loro predisposizione ad iniziare l'azione da dietro con il fraseggio. La Palmese merita grande rispetto, come società e come progetto tecnico. I noroverdi, che avranno il vantaggio di giocarsela tra le mura amiche, proveranno a vincere per uscire dalla zona pericolosa della classifica. Noi dovremo fare attenzione a tutti questi aspetti, ricordandoci da dove veniamo, chi siamo e perché abbiamo 30 punti in classifica".

Sul piano tattico quali saranno le novità?

"L'assenza di Flavio Cianci ci sta condizionando un po' in tutti i reparti – ha puntualizzato l'allenatore – ma, nel complesso, sto ricevendo indicazioni positive dai miei ragazzi. Nelle ultime partite, con Ramiro Gonzalez in difesa, ho ottenuto sicurezza in copertura e buona qualità nel far partire l'azione da dietro. Inoltre, e non va dimenticato, questa squadra ha la capacità di cambiare modulo in qualsiasi momento. Noi giochiamo con il 3-4-3. Ma se passiamo al 4-3-3 o al 3-5-2 il risultato rimane identico, e l'identità ben definita. Poi, è ovvio, le scelte si fanno in base a determinate condizioni dettate dalle situazioni o dall'avversario. Quello che non deve sfuggire, tuttavia, è questo dato: loro daranno tutto, perché la partita richiede il massimo dell'impegno e della determinazione. Giocheranno la partita della vita ed anche per la Cittanovese sarà lo stesso. Alla fine, come spesso avviene in queste partite, vincerà chi avrà gestito con maggiore lucidità i momenti topici della gara. Ad esempio, rispetto al match contro la Vibonese, sarà cruciale interpretare alla perfezione i tempi di gioco e di smarcamento. In allenamento lo facciamo bene, in partita un po' di meno".

Cosa si sente di dire ai tifosi in vista del derby contro la Palmese?

"Anzi tutto, che quella di domani sarà una bella partita – ha scandito Domenico Zito –. Noi, come Cittanovese, non possiamo che ringraziare i nostri sostenitori. Ci sono stati sempre vicini e il loro calore lo abbiamo percepito lungo tutto il percorso fin qui fatto. Domani, più che mai, servirà la spinta del nostro pubblico. Sono certo che sarà determinante ancora una volta".

BARILARO

C'è Aurelio Barilaro ad accompagnare il mister nella consueta conferenza stampa del sabato. Il calciatore, sempre di più, va ritagliandosi un ruolo fondamentale nello scacchiere giallorosso. E anche domani, in casa della Palmese, la sua qualità e la sua esperienza saranno importanti.

"Fisicamente sto bene – ha rassicurato il calciatore – nonostante alcuni fastidi muscolari patiti in settimana. Per fortuna il problema è rientrato e sono pienamente disponibile".

Contro la Palmese sarà sfida salvezza.

"Fino a quando non raggiungi l'obiettivo tutte le partite sono importanti – ha chiosato Barilaro – e anche quella del "Lopresti" sarà una gara da vivere con attenzione e grande determinazione. Siamo consapevoli del significato del match, che vale tantissimo quanto per noi tanto per loro. È vero anche, però, che la domenica scendiamo in campo per giocare a calcio e dare un'impronta alla nostra stagione. Ci divertiamo molto per la qualità di gioco espresso e per come interpretiamo, da collettivo, le indicazioni del mister. Forse, soprattutto in questa ultima fase, sono mancati l'ultimo passaggio o la giusta lucidità sotto porta. Ma sono fattori su cui stiamo lavorando sodo. E i frutti arriveranno. Speriamo già domani".