Tallini: “Non incassare stipendio di due mesi? Pippo Callipo se lo può permettere”

"Si tratta di possibilità che si possono permettere i Callipo di turno, che magari possono lasciare la propria indennità per tutto l'anno. In famiglie monoreddito, ad esempio, la questione magari è diversa. Io non ho mai approfittato di un solo centesimo nella mia carriera e così tanti miei colleghi". Lo afferma in un'intervista a LaCNews il neo presidente del Consiglio regionale calabrese Domenico Tallini, commentando la proposta di Pippo Callipo, consigliere regionale e capogruppo di "Io resto in Calabria", di non trattenere il compenso di febbraio e marzo, mesi in cui, di fatto, il Consiglio regionale non ha svolto quasi nessuna attività. "I nostri stipendi - aggiunge Tallini - sono commisurati a quelli dei parlamentari, quindi anche di quelli grillini che tanto parlano, ma poco agiscono. Dare uno stipendio, anche dignitoso, a chi magari mette da parte il proprio lavoro e si impegna per la collettività, mi pare sia corretto. Altrimenti dovremmo lasciare spazio a una democrazia plutocratica in cui fa politica solo chi può permetterselo".

"Dopo l'agguato fatto a 48 ore dalle elezioni regionali, in violazione al principio di libertà e alle norme sul silenzio elettorale, il signor Morra ne ha provato un altro. E incredibile come un soggetto che dice che vuole combattere la criminalità ogni giorno, metta sotto i piedi le regole e il rispetto. Lui e il suo partito invece di occuparsi dell'emergenza Coronavirus si fanno strumento di un trasversalismo in atto per colpire un avversario politico e mettere in discussione la mia candidatura. Un tentativo che, mi pare evidente, è andato completamente fallito". A dirlo in un'intervista a LaCNews24 è Domenico Tallini, neo presidente del Consiglio regionale calabrese, in riferimento alle parole del senatore del M5S Nicola Morra, che poco prima dell'elezione di Tallini si era pubblicamente chiesto se il Consiglio regionale potesse "pensare di eleggere il consigliere Tallini, "impresentabile" che potrebbe subire gli effetti della legge Severino"...".