Regionali, Di Maio: "In Emilia Romagna e in Calabria ci saremo solo se pronti"

dimaio500"In questa settimana avremo delle importanti riunioni. Come è sempre stato per il M5S, dove siamo pronti ci dobbiamo presentare, dove abbiamo delle difficoltà perché magari i gruppi non sono pronti, perché abbiamo delle difficoltà sul territorio, non c'è nessun problema a dirlo ai cittadini. Noi siamo nelle istituzioni da sei anni, non di più. Siamo una forza politica giovane". Lo dice a 'Unomattina' il leader del M5S, Luigi Di Maio, a chi gli domanda se il Movimento si presenterà alle prossime regionali in Emilia Romagna e Calabria.

Il ministro degli Esteri del governo Conte-bis non dà nessuna certezza sulla partecipazione dei pentastellati alle elezioni regionali che, con ogni probabilità, in Calabria si terranno a gennaio. Anche sulla questione calabrese, in queste settimane, sono cresciuti i malumori e le avvisaglie all'interno del M5S, che dopo "l'esperimento Umbria" ha fatto marcia indietro sull'accordo con il Partito democratico. La parlamentare calabrese Dalila Nesci si è detta più volte pronta a candidarsi alla presidenza della Regione Calabria, tra le perplessità dei suoi colleghi in Parlamento e di partito (da Morra a Cancelleri), ma trovando anche dei sostenitori come l'ex ministro alla Salute Giulia Grillo. Il niet sulla candidatura della deputata è arrivato dal capo politico cinquestelle, definito dalla stessa Nesci "irresponsabile": "Dire che la lista in Calabria è meglio non presentarla – scriveva Nesci qualche giorno fa - significherebbe non prenderci le responsabilità politiche che abbiamo e mimare il comportamento irresponsabile del nostro capo politico Di Maio, che non ha dato e non da indirizzi sulla 'questione calabrese' e che adesso scarica a noi la responsabilità di un percorso elettorale ad un mese dal voto".
Si avvicina la resa dei conti dentro al Movimento Cinque Stelle, con la leadership di Di Maio sempre meno salda.