Crisi di Governo, Unindustria Calabria: "Conseguenze possono essere disastrose"

"Le crisi di Governo non sono mai una buona notizia per l'economia. Se si presentano con le modalita' di quella in corso nel nostro Paese, trascurando le implicazioni di uno scenario internazionale in sostanziale stagnazione a causa della guerra commerciale tra Usa e Cina con una tendenza al ribasso del Pil tedesco, le conseguenze rischiano di essere disastrose". Lo dichiara all'Agi il presidente di Unindustria Calabria, Natale Mazzuca.

"Se Sparta piange - spiega - Atene non ride, recita un vecchio saggio carico di verita' concrete soprattutto in un sistema economico fortemente interconnesso come e' quello attuale. La possibile recessione tedesca comporterebbe un brusco calo degli ordinativi verso le aziende italiane che operano nei settori delle tecnologie avanzate con conseguenti crisi aziendali e forti tensioni sul versante occupazionale in particolare nelle aree del Nord del Paese. Tutto cio' - aggiunge il numero uno degli industriali calabresi - in presenza di un Sud che, in assenza di politiche mirate efficaci, vede aumentare il gap nei principali indicatori economici con punte drammatiche per quanto riguarda il tasso di disoccupazione (sopratutto giovanile) ed il reddito pro capite, con un tale deterioramento della situazione economica da compromettere la stessa tenuta dello stato sociale ed i livelli minimi degli standard dei servizi essenziali". Il presidente degli industriali calabresi aggiunge: "Come imprenditori non siamo appassionati ne' interessati ai dibattiti intorno alle formule, ai colori delle possibili coalizioni ne' se sia piu' opportuno sciogliere le Camere. Siamo interessati ad un Paese unito, che sappia affrontare e superare le disuguaglianze esistenti, proteggere i cittadini creando opportunita', che abbia visione di futuro guardando ai prossimi 10 anni e non banalmente ed in via esclusiva a quello che succedera' nei prossimi giorni. Siamo interessati ad un paese stabile che attivi politiche vere per la crescita, che rafforzi il suo ruolo nella comunita' europea e che finisca una volta per tutte di essere in perenne campagna elettorale".