Finisce la latitanza di Nicola Assisi: arrestato in Brasile il broker di cocaina della 'ndrangheta

assisi Finisce la latitanza di Nicola Assisi, 61 anni, ritenuto il più grande fornitore in Italia di droga al servizio dei cartelli della 'ndrangheta. L'uomo è stato arrestato in Brasile, insieme al figlio Patrick, entrambi inseriti nell'elenco dei "latitanti pericolosi" e ricercati per associazione finalizzata al traffico illecito di stupefacenti e contigui alla 'ndrangheta operante a Volpiano, nel Torinese.

La polizia federale brasiliana ha reso noto in un comunicato che i due cittadini italiani arrestati oggi a Praia Grande, sulla costa dello Stato di San Paolo sono sospettati di essere collegati con la 'ndrangheta e risultano latitanti dal 2014. La nota aggiunge che uno di loro, Nicola Assisi, e' stato condannato a 14 anni di carcere in Italia per traffico di droga, e suo figlio Patrick occupava almeno tre appartamenti di alto livello nella localita' balneare paulista, protetti da sofisticati sistemi di sicurezza. I due "sarebbero passati dal Portogallo e l'Argentina, usando nomi falsi", prima di arrivare in Brasile, aggiunge la nota, sottolineando che la loro cattura e' stata coordinata dalla polizia locale, quella italiana e Interpol.

Abitavano in una villa con attico, super attico e piscina a Praia Grande (Brasile) Nicola Assisi e il figlio Patrick, i due latitanti arrestati dalla polizia federale brasiliana e dai carabinieri del comando provinciale di Torino. La casa di lusso, di 800 metri quadrati, era monitorata con un sistema di telecamere a circuito chiuso che controllava tutti gli ingressi e le uscite. Le due pistole erano nascoste in un vano del box di controllo della piscina, mentre i soldi, 20 kg di banconote, e la droga, un chilo di cocaina, erano in una camera nascosta in una falsa parete. I due narcotrafficanti, che avevano vissuto a San Giusto Canavese, sono stati arrestati a seguito di un'indagine condotta dalla polizia federale in cooperazione internazionale dai carabinieri del comando provinciale di Torino coordinati dalla locale Dda e supportati dall'esperto per la sicurezza della Dcsa (Direzione centrale servizio antidroga) nel paese sudamericano. Nicola Assisi e' considerato dagli investigatori il piu' grande grande fornitore di cocaina in Italia al servizio della 'ndrangheta. Al momento dell'arresto Patrick Assisi indossava la maglietta con la scritta del film "Il padrino" .