Maturità, il saluto del direttore generale dell'USR per la Calabria agli esaminandi

"Care studentesse, cari studenti,
in queste ore state affrontando uno dei momenti più importanti della vostra vita; immagino che siano momenti di ansia e di trepidazione per le prove che vi aspettano. Sono certa, tuttavia, che saprete mettere in campo tutte le competenze maturate e le conoscenze apprese.
So bene che avete affrontato altri esami, ma questo che conclude il secondo ciclo di istruzione è un vero e proprio rito di passaggio, il primo importante della vostra vita. Insieme con i vostri docenti vi siete confrontati con le innovazioni introdotte quest'anno. Affrontatele con serenità, l'esame non è un "test", oggi più di ieri è la conclusione naturale di un percorso. L'esame di Stato conclude, infatti, un cammino e apre le porte su altri orizzonti: cogliete questo momento in tutta la sua pregnanza e la sua significatività".

"Negli ultimi anni siete cresciuti come studenti e come persone, adesso vi viene chiesto non soltanto di rispondere su quello che avete appreso, ma su quello che siete diventati: uomini e donne capaci di esercitare il pensiero riflesso in maniera autonoma e critica, per far fronte alle mille difficoltà che inevitabilmente bisogna affrontare nella vita. Durante gli anni della scuola secondaria di secondo grado avete coltivato amicizie che non dimenticherete, avete fatto vostri i valori della legalità, dell'impegno sociale e civile, della lealtà, che saranno alla base delle vostre scelte future. Finora i docenti vi hanno accompagnato per mano, adesso tocca a voi affrontare la vita e la carriera, che vi auguro siano come le desiderate.
Ricordate che per i docenti, per i dirigenti scolastici e per l'Amministrazione che rappresento voi siete una scommessa vincente, un investimento prezioso, gli attori di un nuovo Umanesimo e di un cambiamento che renderà il mondo migliore".