Al voto per le Europee e per le Amministrative

votazioni17aprbisSono aperti dalle 7 i seggi per le elezioni di sindaci e consigli comunali di oltre 3.800 comuni ma soprattutto per scegliere i 76 deputati nazionali del nuovo Parlamento europeo: 73 piu' i 3 che entreranno in carica a Brexit consumata. Ad avere diritto di voto sono 51.073.042 tra uomini (24.744.762) e donne (26.328.280): di essi 49.413.168 risiedono in Italia e in Paesi extraeuropei, 1.659.874 in Paesi Ue. Complessivamente le sezioni sono 62.047. In Piemonte si vota anche per l'elezione del presidente della Regione e per il rinnovo del Consiglio regionale. CINQUE CIRCOSCRIZIONI I seggi, come di consueto, resteranno aperti fino alle 23. L''Italia viene divisa in cinque grandi circoscrizioni elettorali: nord-occidentale (I), nord-orientale (II), centrale (III), meridionale (IV) e insulare (V). Al momento di entrare in cabina gli elettori riceveranno una scheda, di colore diverso a seconda della circoscrizione: grigio per l'Italia nord-occidentale (Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Lombardia), marrone per l'Italia nord-orientale (Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna), fucsia per l'Italia centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio), arancione per l'Italia meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria) e rosa per l'Italia insulare (Sicilia, Sardegna). I candidati di ciascuna lista variano da una circoscrizione all'altra, fatta eccezione per alcuni leader schierati da piu' parti. OCCHIO ALLE PREFERENZE Si vota, come in tutti i Paesi, con un sistema di tipo proporzionale: la soglia di sbarramento, sotto la quale si resta fuori, e' del 4%. Non ci sono coalizioni, ciascuna lista corre per se'. Il voto si esprime tracciando sulla scheda, con la matita copiativa avuta dagli scrutatori, il segno X sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta o nel rettangolo che lo contiene. Si possono votare fino a tre candidati compresi nella lista votata ma nel caso di piu' preferenze esse devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l'annullamento della seconda e della terza. Una sola preferenza puo' essere espressa per i candidati compresi nelle liste di minoranze linguistiche. secondo la piu' recente giurisprudenza, l'elettore che si rende conto di aver sbagliato nel votare puo' chiedere al presidente del seggio di sostituire la scheda per esprimere nuovamente il proprio voto. Il presidente gli consegnera' una nuova scheda e inserira' quella sostituita tra le "schede deteriorate".

rne aperte dalle 7 alle 23 di oggi, per le elezioni amministrative in quasi 3.800 Comuni. Dai dati del Viminale, sono oltre 16,4 mln gli elettori chiamati al voto. In Sardegna la tornata elettorale, in 28 Comuni tra i quali Cagliari e Sassari, si terrà invece il 16 giugno e interesserà poco più di 390mila elettori. Nei Comuni sopra i 15mila abitanti è possibile il turno di ballottaggio, previsto per domenica 9 giugno. Il vademecum per il voto cambia infatti a seconda del numero degli abitanti. Nei Comuni fino a 15mila abitanti si può tracciare: solo un segno sul candidato sindaco; solo un segno sulla lista collegata al candidato sindaco; sia sul candidato sindaco che sulla lista collegata. Il voto viene attribuito sia alla lista di candidati consiglieri che al candidato sindaco collegato. Nei Comuni fino a 15mila abitanti viene eletto primo cittadino chi ottiene il maggior numero di voti. Un test importante, quello di oggi, che riguarderà molte grandi città. Vanno al voto cinque capoluoghi di Regione: Firenze, Bari, Perugia, Potenza e Campobasso. A questi centri si aggiungono una ventina di capoluoghi di provincia: Ascoli Piceno, Avellino, Bergamo, Biella, Cremona, Ferrara, Foggia, Forlì, Lecce, Livorno, Modena, Pavia, Pesaro, Pescara, Prato, Reggio Emilia, Rovigo, Verbania, Vercelli e Vibo Valentia.