Barriere architettoniche: Aieta sollecita la giunta regionale

"Mi corre l'obbligo di richiedere informazioni in merito all'applicazione della legge regionale n. 13/1989 recante "Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati." (Pubblicata nella G. U. 26 gennaio 1989, n. 21)".

È questa, in sintesi, la richiesta che il Consigliere Regionale Giuseppe Aieta rivolge al Presidente della Regione Matio Oliverio ed agli assessori al Bilancio e Lavori Pubblici.

"Come noto - continua Aieta- la nostra Regione ha dimostrato negli ultimi anni una grande sensibilità amministrativa sull'argomento di cui alla Legge n. 13/89 - facendo fronte, esclusivamente, con risorse proprie a tutte le richieste pervenute dal 2011 al 2017, grazie al fondo di euro 5.000.000,00 istituto con l'art. 3 L.R. 31/2015.

Pertanto sarebbe necessario, afferma il Consigliere Aieta nella nota- rimpinguare il fondo di cui al capitolo U0232221201 di almeno euro 600.000,00.

Da verifiche effettuate risulterebbe la possibilità di utilizzare le risorse o almeno una parte di esse già allocate sul capitolo di bilancio U3202013602 relativo all'ex bando di concorso "Buoni casa" di cui alla L.R. 23/02, non più attivo.

Tenuto conto- conclude- che sono già pervenute le richieste per l'anno 2019, sarebbe auspicabile che anche per i prossimi anni, la Regione Calabria continui ad essere virtuosa, e proseguire nella strada già intrapresa, favorendo l'eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche e quindi il soddisfacimento dei legittimi bisogni dei più deboli; una "battaglia di civiltà", necessaria anche se comporta "anticipare" risorse che lo Stato "ritarda" ad assegnare".