Sanità, Santelli (FI): “Dimissioni dg Mauro a Cosenza confermano fallimento Oliverio”

"Le dimissioni del direttore generale dell'azienda sanitaria di Cosenza, la più grande del Meridione, certificano il totale fallimento della giunta Oliverio sul più importante tema della vita sociale regionale. Lo afferma Jole Santelli, coordinatrice regionale di Forza Italia Calabria, che aggiunge: "Le ragioni addotte da Mauro sono oscure ed ermetiche e richiamano all'ennesimo scontro fra Presidenza della Regione e struttura commissariale. Uno scontro - aggiunge Santelli - confermato dal ricorso al Tar del Lazio, da parte della Giunta, avverso la nomina del subcommissario Schael. Il bilancio di questi quattro anni è mezzo è desolante e deprimente - prosegue Santelli - con una politica territoriale assente, che ha solo riempito gli ospedali, ha annullato i concetti di prevenzione e riabilitazione ed ha fatto crescere e consolidare le sacche di clientela. Il mattinale imperativo del centrosinistra è stato quello di occupare potere mentre i servizi e la loro qualità arretravano incredibilmente.
In attesa di avere un nuovo governo regionale la speranza, veramente modesta - conclude Santelli - è che l'Asp venga "demilitarizzata" e si nomini un commissario super partes che inizi a lavorare per il risanamento di un ente che muove un miliardo di euro di interessi annui e che non sa, da tantissimo tempo, operare per il bene comune della salute pubblica".

Sempre a proposito delle dimissioni di Raffaele Mauro, la coordinatrice regionale di Forza Italia Calabria parla di

"incredibile disapplicazione della legge di stabilizzazione del precariato amministrativo, sottoscritta e siglata con le organizzazioni sindacali e il commissario Massimo Scura nell'ottobre del 2015"

Un esempio clamoroso di violazione delle leggi - prosegue Santelli - con un caos regnante negli uffici cosentini, cui la Regione ha notevolmente contribuito con il suo silenzio assenso.

Anche su questo chiediamo al commissario Cottarelli di vigilare-aggiunge l'on Santelli - affinché venga nominata una persona in grado di mettere ordine un un'asp le cui dimensioni sono il doppio della Basilicata e la cui tormentata vita amministrativa è un peso per la Calabria