La prima Bibbia ebraica può tornare in Calabria, Davi soddisfatto

La prima Bibbia ebraica mai scritta, stampata a Reggio Calabria nel 1475 ad opera del tipografo ebraico italiano Abraham ben Garton, potrà fare ritorno in Calabria dopo 500 anni di assenza. L'ok è arrivato in una lettera inviata da Simone Verde, Direttore del Complesso Monumentale della Pilotta di Parma, indirizzata a Mario Gerardo Oliverio, il Governatore che ne aveva fatto formale richiesta. Nella lettera si legge che, come è ovvio, dovranno essere adottate le adeguate misure di sicurezza per la custodia e il trasporto del pregiato volume, dalla polizza assicurativa "all risks included" alla teca protetta.

Klaus Davi si dice "felice per questo sviluppo, spero che per la realizzazione di questo evento arrivi un messaggio da tutte le istituzioni e che una Regione non sempre adeguatamente considerata per la sua importanza culturale venga sostenuta in un'operazione che ha sicuramente costi importanti. Mi auguro che anche il Governo, nuovo o vecchio che sia, faccia la sua parte. Da parte mia ringrazio il Presidente Mario Oliverio e il ministro Dario Franceschini che hanno permesso questo importantissimo ritorno nonché il Direttore della Pilotta Simone Verde".