Consorzio di bonifica ex Valle Lao, Bruno e Morra (M5S): “Intimiamo la Regione a pagare i lavoratori”

"Il Movimento 5 stelle ha incontrato i Lavoratori del consorzio di Bonifica ex Valle Lao che da circa 10 mesi non percepiscono gli stipendi. Mentre i lavoratori scioperano da giorni, la Regione Calabria continua a fare orecchie da mercante senza garantirgli un futuro.

In questi anni le cattive gestioni hanno portano al collasso del Consorzio che per l'alto tirreno cosentino è diventato di vitale importanza e una mancata soluzione al problema potrebbe mettere in crisi altri settori dell'economia del territorio.

Non dobbiamo dimenticare che i lavoratori del Consorzio col proprio lavoro garantiscono l'acqua agli agricoltori, alle strutture turistiche e alle abitazioni private, inoltre in vista della stagione estiva, in cui si contano oltre 200.000 presenze, si rischia di non poter garantire il servizio.

Nonostante i vari Commissari chiamati a risistemare i conti di questo ente la situazione continua ad aggravarsi, apprendiamo dai giornali, che riportano le dichiarazioni del Commissario Celiberto, che al 31 dicembre del 2016 il disavanzo per il Consorzio ammontava a oltre 5.000.000 di euro, aggravati da ulteriori 1.500.000 di euro del 2017, senza tener conto dei debiti fuori bilancio. Insomma, un ente in chiaro dissesto finanziario.

Probabilmente queste motivazioni avranno indotto il Commissario a dichiarare a mollare e non rinnovare il mandato nel frattempo la Regione attende ancora prima di nominarne uno.

La politica deve smetterla di utilizzare i Lavoratori del Consorzio come bacino di voti tenendoli sotto scacco. Le famiglie dei dipendenti del consorzio hanno tutto il diritto di ricevere risposte in tempi brevissimi del loro futuro". Lo affermano portavoce Renato Bruno (Consigliere comunale M5S di Scalea) e Nicola Morra (Senatore e Candidato per le politiche del 2018 con il M5S).